A1 M & F – Doppia sconfitta per la Carpisa Yamamay Acquachiara

Logo-Acquachiara

A1 M

SAVONA-ACQUACHIARA 7-6 (2-0, 1-2, 4-3, 0-1)

Carisa Savona: Antona, Alesiani 1 rig., Pesenti 1, Colombo 3, Bianco L., Cesini, Mistrangelo, Milakovic, Bianco G. 1, Mensi, Piombo 1, Sadovyy, Zerilli. All. Angelini.

Carpisa Yamamay Acquachiara: Volarevic, Perez, Rossi 1, Korolija, Scotti Galletta 1, Lanzoni 1, Marziali, Tozzi, Gitto M., Luongo S. 1, Valentino 1, Luongo M. 1, Lamoglia. All. De Crescenzo P.

Arbitri: Ceccarelli e Paoletti.

Superiorità numeriche: Savona 5/13 + un rigore, Acquachiara 4/17.

Note: espulsi Marziali (A) per proteste e Perez (A) per gioco violento entrambi nel terzo tempo. Uscito per limite di falli Colombo (S) nel quarto tempo.

 

IL COMUNICATO DELLA CARPISA YAMAMAY ACQUACHIARA

SAVONA – Sconfitta di misura della Carpisa Yamamay Acquachiara a Savona, ma pesantissima. Sì, perché la squadra di Paolo De Crescenzo è stata raggiunta proprio dalla formazione biancorossa sul sesto gradino della classifica, l'ultimo utile per accedere alla Final Six.

"La vittoria del Savona è meritata", commenta Paolo De Crescenzo e spiega perché: "Benchè più giovani ed inesperti, i biancorossi hanno avuto maggior freddezza sotto porta rispetto a noi, pur sbagliando anche loro molto in superiorità".

La disastrosa percentuale con l'uomo in più (4 su 17) dell'Acquachiara è stata una delle cause principali della sconfitta, ma non l'unica. "Troppo individualismo e troppo nervosismo hanno caratterizzato la nostra partita", aggiunge De Crescenzo, che si riferisce ai cartellini rossi presi da Marziali (proteste) e Perez (gioco violento) "che indubbiamente hanno pesato nell'economia della gara – sottolinea il tecnico biancazzurro –, anche perché già nel primo tempo abbiamo avuto Michele Luongo gravato da due falli".

Nonostante tutte queste negatività, tuttavia, nel finale della gara la Carpisa Yamamay avrebbe potuto raggiungere ugualmente un pareggio che sarebbe stato preziosissimo. Ma anche nell'ultimo uomo in più i biancazzurri non hanno avuto la freddezza necessaria per portare a Napoli un risultato positivo.


A1 F

ACQUACHIARA-BOGLIASCO 8-12 (2-3, 1-3, 0-4, 4-2)

Carpisa Yamamay Acquachiara: Iaccarino, Monaco 2, Anastasio F., Maglitto, Migliaccio 2, De Magistris, Vitiello, Foresta, Acampora 1, Centanni 3, Esposito, D'Antonio. All. Damiani.

Bogliasco Bene: Falconi, Viacava 3, Gualdi, Dufour 4 (1 rig.), Trucco, G. Millo 1, Maggi, Rogondino, Boero 1 rig., Rambaldi 1, Bettini, Frassinetti 2, Malara. All. Sinatra.

Superiorità numeriche: Acquachiara 5/15, Bogliasco 3/9 + 3 rig.

Arbitri: Boccia e Nicolosi.

Note: inizia in porta per l'Acquachiara D'Antonio sostituita nel terzo tempo da Iaccarino; uscite per limite di falli nel terzo tempo Rogondino (B) e Rambaldi (B) e nel quarto tempo Foresta (A) e Dufour (B). Espulse art. 21.13 Acampora (A) e Migliaccio (A). Nel secondo tempo D'Antonio (A) ha parato un rigore a Viacava. Il Bogliasco cambia il portiere nel quarto tempo: Malara al posto di Falconi. A due minuti dal termine debutto di Dafne Bettini classe 2003.

NAPOLI – Ancora una buona prestazione casalinga della Carpisa Yamamay Acquachiara. Dopo aver fatto bella figura contro il Messina, le biancazzurre di Damiani si sono ripetute contro il Bogliasco in una gara che, per certi versi, ha ricordato quella di sette giorni fa. Ovvero, doppio vantaggio iniziale della squadra ospite (Boero su rigore, Viacava in controfuga) e immediata replica delle padrone di casa con una splendida palomba vincente di Migliaccio e una superiorità numerica trasformata da Acampora, proprio le due giocatrici che poi saranno espulse per proteste nella terza frazione.

Anche il prosieguo della gara ricalca quella di sette giorni fa. Dopo il 2-2, infatti, la squadra di Sinatra prende il largo raggiungendo il massimo vantaggio (+7) alla fine della terza frazione. Nel quarto tempo la squadra di Damiani, che in precedenza aveva sbagliato tantissimo con l'uomo in più, aggiusta la mira in superiorità e riduce notevolmente il distacco fino al -4 finale.

Ben 20 gol in questa gara, ma potevano essere molti di più. Non si contano le occasioni da gol sprecate da entrambe le squadre, più volte anche a tu per tu col portiere avversario. Come nel caso di Frassinetti, che nell'ultima azione della partita si è fatta respingere da Iaccarino la conclusione ravvicinata. Il portiere della Carpisa Yamamay è entrato nella terza frazione al posto di D'Antonio, che nel secondo tempo ha neutralizzato un rigore a Viacava. Tra le biancazzurre in particolare evidenza Centanni, e non solo per i tre gol: ha giocato bene anche in difesa ed ha fatto anche un gran lavoro al centro dell'area avversaria. Nel Bogliasco da segnalare le 7 reti realizzate dal tandem Dufour-Viacava. Di Migliaccio e Frassinetti le reti più belle del match.

 

Mario Corcione

Print Friendly, PDF & Email