A1 M – Guidaldi sfida il Quinto: ‘Vogliamo replicare l’impresa di due anni fa…’

Non arrendersi. Nonostante la classifica sia un incubo, le intenzioni in casa Bogliasco sono quelle di non mollare la presa da quella sottile corda che ancora lega i biancazzurri alla Serie A1.
Per riuscire in un intento che giornata dopo giornata a fare sempre più difficile occorre per correre una strada tutta in salita la cui prossima tappa passa dalla piscina di Albaro. Ad attendere Guidaldi e compagni il male banale derby con il Quinto. Una sfida dai molteplici risvolti che in questo caso ne mette in opera qualcuno in più del solito: ” Noi andremo a giocarcela con l’acqua alla gola – ammette senza giri di parole il capitano biancazzurro – D’altronde il tempo dei calcoli è finito da un pezzo. Sarà una gara da dentro o fuori nel quale una sconfitta ci sarebbe la quasi matematica certezza della retrocessione. Loro certamente giocheranno alla morte non solo perché è un derby ma anche per tirarsi fuori dalla lotta play-out nella quale rischierebbero di cadere in caso di passo falso. Insomma, darà una battaglia”.

Per un curioso scherzo del destino l’incrocio tra levantini e genovesi ricorre a due anni di distanza da un precedente molto simile. Ma a parti invertite. 23 mesi fa perdendo l’incontro coi cugini il Quinto, ultimo in classifica, vide spegnersi le ultime speranze di salvarsi mentre per i bogliaschini quel successo garantí l’accesso allo spareggio di Torino poi vinto con la Vis Nova. Un copione molto simile a quello attuale: ” Purtroppo però questa volta la situazione si è capovolta – analizza ancora Guidaldi – ora sono loro a poterci dare la spallata definitiva, prendendosi la rivincita a due anni di distanza. Speriamo che ciò non avvenga. Anzi speriamo che l’esito della gara di domani sia lo stesso di allora…”

 

Bogliasco 1951

Print Friendly, PDF & Email