A1 M – La Pro Recco rimane al comando

garaventa-esordio

Sesta giornata di campionato senza sorprese: la Pro Recco vince in casa contro la Lazio per 11-4 e mantiene il comando solitario.

A Camogli mister Vujasinovic lascia a riposo Tempesti, Sukno e Mandic, ma lancia il giovane Marco Garaventa (nella foto), centroboa di quindici anni, all'esordio assoluto tra i grandi.

Partenza sprint con le due squadre che rispondono colpo su colpo: il primo parziale finisce 3-3 con una palombella meravigliosa di Figlioli e due reti di Cannella. 

Nei successivi otto minuti i biancocelesti ingranano grazie ai giovani Bruni, lanciato a rete davanti a Correggia, e Alesiani autore di un bolide su cui il numero 1 capitolino non può nulla. Ivovic, a 43 secondi, dalla fine allunga sul 6-3. È lo scatto che decide il match perché al cambio campo la Pro Recco macina gioco e si porta sul più sei con Fondelli, Bruni (fantastica la sua beduina) e Di Somma. Solo a due e mezzo dal termine, dopo tredici minuti senza subire reti, Volarevic è costretto a inchinarsi a Tulli. Nell'ultimo tempo trovano il gol Di Fulvio e Fondelli, ma la rete più attesa dal pubblico, quella di Garaventa, non arriva.

"Un grande onore giocare con questi fenomeni – racconta Garaventa, da cinque anni nelle giovanili biancocelesti – prima del match ero un po'agitato ma tutti mi hanno aiutato, consigliandomi e coinvolgendomi. In partita, poi, hanno cercato di mettermi nelle condizioni di tirare: peccato per il palo che ho preso. Il giocatore a cui mi ispiro? Sandro Calcaterra".

 

Ufficio Stampa Pro Recco

Print Friendly, PDF & Email