A1 M – Nuoto Catania, punto sfiorato

La Seleco Nuoto Catania è stata sconfitta a Savona 8-6

Catania 1 novembre 2017 – La seconda trasferta stagionale della Seleco Nuoto Catania porta in dote una sconfitta ma anche la sensazione che la salvezza tranquilla auspicata dal Presidente Mario Torrisi ad inizio stagione non è un miraggio. Gli etnei tornano da Savona con la convinzione di poter giocare alla pari anche contro le grandi squadre, sebbene ogni minima distrazione o passaggio a vuoto venga pagato caro. Il punteggio basso è frutto di una partita equilibrata sbloccata da Milakovic solo al tramonto del primo quarto. Nel secondo parziale, dopo il pareggio di La Rosa, il black-out degli ospiti è pesante e decisivo. La RN Savona va in rete per quattro volte, trascinata da Damonte, firmando il break che risulterà decisivo. Nonostante, infatti, due ultimi quarti diligenti e molto ben giocati, la Nuoto Catania non riesce a ricucire lo strappo, sebbene dopo la doppietta di Privitera e le parate di un superbo Jurisic, abbia avuto una nitida possibilità di raggiungere i padroni di casa sul 7-7. L’ultima marcatura di Steardo, invece, fissa il punteggio sull’8-6 finale: “In una situazione simile a Trieste – spiega il tecnico Giuseppe Dato – siamo riusciti a segnare e completare la rimonta. Oggi purtroppo torniamo a casa sconfitti. Paghiamo qualche errore, soprattutto nella gestione dell’uomo in più, e pochi minuti di flessione che, lo dico sempre, dobbiamo imparare ad evitare. Abbiamo retto bene per tutto l’incontro, salvo regalare solo in quella fase due o tre goal molto semplici”. Per la seconda volta però, trovatasi sotto nel punteggio, la Seleco Nuoto Catania ha provato a recuperare il gap nell’ultimo quarto, prova anche di una condizione atletica eccellente: “La sensazione – continua Dato – è che dobbiamo credere di più in quello che facciamo, dobbiamo prendere qualche sberla prima di giocare determinati e concentrati. È una questione di convinzione, solo con Bogliasco abbiamo retto per tutti i quarti”. Anche una sconfitta può portare buone sensazioni, recuperare e mettere in difficoltà una squadra come Savona è stato importante: “Sapevamo di trovare un ambiente caldo – conclude il DS Corsello – loro non mollano un centimetro e ti mettono molta pressione addosso. Però se la reazione è stata questa, non posso che dire grazie a questi ragazzi che ci hanno creduto fino in fondo. La strada è quella giusta, potevamo anche pareggiare se non qualcosa in più, ma adesso dobbiamo pensare alla sfida con Torino”.

 

RN SAVONA – SELECO NUOTO CATANIA 8-6

RN SAVONA: Soro, Delvecchio, Damonte 3, Steardo 2, Bianco, Ravina 1, Piombo, Milakovic 2 (1 rig.), Bianco, Colombo, De Freitas Guimaraes, Teleki, Missiroli. All. Angelini

SELECO NUOTO CATANIA: Jurisic, Lucas, Torrisi 1, La Rosa 2, Sparacino, Russo, Torrisi, Danilovic, Kacar 1, Privitera 2, Divkovic, Kovacic, Graziano. All. Dato

Arbitri: Alfi e Pascucci
Parziali 1-0, 5-3, 1-1, 1-2
Spettatori 300 circa. Espulsi per proteste Kacar (Nuoto CT), G. Bianco (RN Savona) e Danilovic (Nuoto CT) nel quarto tempo. Uscito per limite di falli G. Torrisi (Nuoto CT) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: RN Savona 5/13 + un rigore e Nuoto CT 4/13

 

 

Ufficio Stampa Nuoto Catania
Currò Francesco Salvatore

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email