A1 M – Un buon Iren Genova Quinto non fa punti a Siracusa

CC ORTIGIA-IREN GENOVA QUINTO 8-7

CC ORTIGIA: Caruso, Cassia, Abela, Jelaca 2, Di Lucano, Farmer 1, Giacoppo 2 (1 rig.), Espanol, Rotondo, Giribaldi, Susak 2, Napolitano 1, Pellegrino. All. Piccardo

IREN GENOVA QUINTO: Pellegrini, Paunovic 1, Vavic 1, Mugnaini 2, Brambilla 1, Lindhout, Gavazzi 1, Bielik, Boero, Bittarello, Gitto 1, Amelio, Pellerano. All. Luccianti

Arbitri: Alfi e Gomez
NOTE: Parziali 2-1, 2-2, 1-1, 3-3. Nessun uscito per limite di falli. Superiorità numeriche CC Ortigia 2/10 + un rigore; Iren Genova Quinto 3/10. Spettatori 300 circa.

Non basta un buon Iren Genova Quinto per fare punti a Siracusa: alla “Caldarella”, nella ventesima giornata del campionato di serie A1, l’Ortigia vince 8-7 al termine di una gara vivace e combattuta. Biancorossi in vantaggio con Mugnaini, vengono poi raggiunti e superati dai padroni di casa che restano sempre in vantaggio di una o due lunghezze. Bittarello e soci provano nel finale a riavvicinarsi ma è troppo tardi.

“E’ stata la partita che ci aspettavamo – commenta il tecnico Gabriele Luccianti – Combattuta gol su gol e poi di fatto decisa nel finale. Loro ne venivano da quattro sconfitte consecutive e forse hanno messo in vasca qualcosa più di noi, ma va detto che si tratta di una squadra molto forte. Sono certo che se non avessero avuto l’”ingombro” della competizione europea ora sarebbero a ridosso delle prime tre, e magari ci arriveranno entro la fine della stagione. Ma pensiamo a noi: credo sia positivo essere rimasti in partita sino all’ultimo contro avversari di questo livello, invece è negativo commettere sempre gravi errori individuali. in quasi ogni azione in cui abbiamo preso gol abbiamo difeso benissimo per 25 secondi, poi alla fine un errore di un singolo, a giro, ci è costato il ko. Avremo modo di lavorarci nelle due settimane che ci separano dal prossimo impegno, perché vogliamo fare punti e arrivare alla salvezza. Anche oggi abbiamo ricevuto tanti complimenti, ma con quelli non andiamo lontano. Dipende da noi e basta“.

 

Sc Quinto

Print Friendly, PDF & Email