A2 F – Il Brizz Catania esce sconfitto da un importantissimo scontro salvezza

S.C. Volturno – A.S.D. Brizz Nuoto 9-6

“#MUTA!”

La squadra acese esce sconfitta da un importantissimo scontro salvezza con il Volturno per 9-6 e così si complica notevolmente la strada per cercare di evitare i play-out. Rimasta a 9 punti, con Volturno che sale a 13 e raggiunge il Vis Nova bisogna rimboccarsi le maniche e cercare di non sprecare più nessuna opportunità! Ma l’amarezza in casa acese è legata ad un episodio successo dopo appena un minuto di partita e che, sinceramente, infastidisce non poco. Si perché sul risultato finale non c’è nulla da dire, il Volturno è stato più determinato, più bravo e più fortunato di noi (attenzione la fortuna va conquistata, perciò non è assolutamente detto in accezione negativa!). Ha avuto più “voglia di mettere la palla in porta”, questo è quello che ha fatto la differenza e questo è quello che ho rimproverato alle mie ragazze a fine partita! La mia amarezza però è per un atteggiamento che non ho gradito e credo che non ci sia niente di male ad esternarlo, magari ….. qualcuno più bravo, se non lo stesso interessato, sarà capace di spiegarmelo…. Al minuto 6’41’’ del primo tempo (qundi dopo soli 1’19’’ di gioco) il Sig. Petraglia, arbitro dell’incontro, espelle una giocatrice della Brizz e, al suo lieve accenno di non condivisione (ovviamente siete liberi di non credere al “lieve”), esclama ripetutamente “MUTA! DEVI STARE MUTA! TI HO DETTO MUTA!”. Non sono per la crocifissione delle persone, non mi piace giudicare i gesti altrui ma non è un atteggiamento ed un linguaggio appropriato per un ufficiale di gara nei confronti di una atleta. Io non posso, non devo (e non l’ho fatto!) mandarlo da “qualche parte” se penso che delle 17 espulsioni fischiate metà potevano non esserci, sono opinioni, pertanto soggettive, e siccome lui è l’arbitro noi dobbiamo adeguarci! Questo mi sta bene, ma non accetto la Maleducazione (ritorna…), l’Abuso di potere…. Ovviamente il mio dirigente è stato buttato fuori per essersi lamentato della sua “espressione”! Il sig. Petraglia per evitare che non si fosse sentito ha nuovamente urlato il “MUTA! DEVI STARE MUTA!”. Io posso spiegare alle mie ragazze perché abbiamo perso, posso dire loro che non sono state determinate, che se per 17 volte ti buttano fuori probabilmente sei un po’ “n’trunata” che devi capire prima dove sbagli, ma di sicuro alla loro replica non gli dirò mai “MUTA! DEVI STARE MUTA!”. Ma forse…. hanno sbagliato i miei genitori ad insegnarmi che esistono altri vocaboli….. Per chiudere, sdrammatizzando un po’, avviso le mie ragazze che si chiude la settimana del “ #Cog…..one” ed inizia la settimana del “ #MUTA!!!” Buon prosieguo di stagione a tutti e scusate lo sfogo….

 

Carlo Zilleri

A.S.D. Brizz Nuoto

Print Friendly, PDF & Email