A2 F – RN Bologna esordio con sconfitta

Carolina-Nicolai

RN BOLOGNA – PALLANUOTO TRIESTE 8-11 (1-3; 1-3; 1-3; 5-2)

RN BOLOGNA: Fiorini, Monaco, Caverzaghi 1, Farneti, Invernizi, Verducci 2, Mataafa, Nicolai 4, Lepore, Budassi 1, Franci, Nasti, Guerriero. All. A. Posterivo
PALLANUOTO TRIESTE: Ingannamorte S., Zadeu, Favero, Gant, Marussi, L. Cergol 1, Klatowski 1, Ingannamorte E. 1, Guadagnin 4, Rattelli 1, Jankovic 2, Russignan 1, Krasti. All. I. Colautti
Arbitro: Scarselli
Superiorità numeriche RN Bologna 4/12 + 1 rigore, Pallanuoto Trieste 4/11

Nella prima giornata del campionato di serie A2 femminile, girone Nord, la Rari Nantes Bologna perde contro la Pallanuoto Trieste. Le ospiti partono bene e si portano in vantaggio con Jankovic (0-1). Pareggia i conti Nicolai su superiorità numerica.
La prima frazione si chiude con Trieste in vantaggio per 3 reti a 1 grazie alle realizzazioni di Rattelli e Guadagnin.
A inizio secondo quarto è nuovamente Nicolai a ridurre lo svantaggio su superiorità (2-3).
Jankovic trova la rete con una colomba dalla distanza (2-4), Budassi sbaglia un rigore e Trieste finalizza al meglio le azioni d’attacco, prima con Guadagnin (2-5) poi con Ingannamorte su superiorità numerica (2-6).
Bologna non riesce a giocare con tranquillità e la tensione porta le ragazze allenate da Posterivo a sbagliare molti passaggi. Guadagnin porta Trieste  sul 2 a 7 a inizio terzo quarto. Tocca a Verducci tenere in partita la squadra felsinea (3-7) ma Russignan, prima, e Cergol, poi, portano le ospiti sul risultato di 3 reti a 9.
La terza frazione si chiude con le bolognesi in possesso palla e in superiorità numerica. Al via dell’ultima frazione Verducci finalizza la superiorità (4-9), e Caverzaghi la imita poco dopo sempre su superiorità (5-9).
La Rari Nantes sembra essersi liberata dalla tensione iniziale, trova sicurezza in difesa grazie ad alcuni preziosi interventi di Fiorini, subentrata a Guerriero a metà gara. Trova la rete anche capitan Budassi (6-9). L’estremo difensore bolognese, con un preciso rilancio, mette Nicolai in condizione di finalizzare al meglio una controfuga (7-9). Ed è ancora il neoacquisto della Rari Nantes a firmare la quarta rete personale che permette a Bologna di portarsi ad una sola lunghezza. Lo Sterlino trascina le proprie beniamine alla ricerca di un pareggio che solo pochi minuti prima sembrava insperabile. Gli animi, purtroppo, si scaldano eccessivamente anche tra i tifosi e il padre di una giocatrice di Trieste si rende colpevole di un deprecabile epiteto razzista nei confronti del preparatore atletico, di nazionalità cubana, della squadra bolognese.
In campo le giocatrici continuano ad essere concentrate, ma la  conclusione di Monaco, per il possibile pareggio, si infrange sul palo, mentre Klatowski con precisione finalizza, in superiorità, la rete che permette alle ospiti di vincere la partita (8-10). Guadagnin ad una manciata di secondi dalla sirena realizza il definitivo 8-11.

“Complimenti alle ragazze di Trieste – dichiara Posterivo a fine partita – per un successo meritato, frutto di un approccio più lucido alla partita. Noi abbiamo sbagliato troppo nella prima fase della gara con la foga di voler recuperare lo svantaggio cercando giocate individuali e non puntando sul collettivo. Quando abbiamo iniziato a giocare di squadra siamo arrivati ad un passo da una clamorosa rimonta. Questo ci serva da lezione per il futuro”.
Sabato prossimo alle 15.30 la Rari Nantes Bologna giocherà l’anticipo della seconda di campionato a Cagliari.

 

Oggi Pallanuoto Trieste ha battuto meritatamente la Rari Nantes Bologna. Complimenti alle ragazze di Trieste ed un invito a lavorare “sodo” per i prossimi impegni alle nostre atlete.
Oggi, però, abbiamo assistito ad uno spettacolo indegno da parte di un genitore di un’atleta triestina che ha apostrofato il nostro preparatore atletico cubano, di colore con la frase: “Negro di merda”.
Non è giustificabile il ripetersi di offese razziste ogni qualvolta si disputa un incontro di calcio. Ma non è accettabile che questo succeda durante una partita di pallanuoto femminile, che è uno sport dilettantistico. E non è neppure sopportabile che chi si macchia di questi comportamenti (che sono reati) sia un genitore: bell’esempio!
La Rari Nantes Bologna è vicina e solidale al suo tecnico, Hector Cuesta Sotolongo e lo affiancherà in ogni azione che riterrà opportuna intraprendere. 

La società
Rari Nantes Bologna

Print Friendly, PDF & Email