A2 F – US Luca Locatelli Genova – RN Bologna 8-12

US Luca Locatelli Genova – RN Bologna 8-12 (3-2, 2-5, 3-3, 0-2)

Locatelli Genova: Bolla Pittaluga, Bianco, Donato 1, Tedesco 1, Ravenna, Bissocoli, Rossi, Nucifora 1, De Carli 2, Valsecchi, Cabona 2, Isetta 1, Banchi. All. Garalti.

R.N. Bologna: Fiorini, Monaco 1, Caverzaghi, Farinetti, Invernizi 2, Verducci 5, Mata’afa, Nicolai 2, Lepore, Budassi 2, Franci, Nasti, Guerriero. All. A. Posterivo A.
Arbitro: Bianco

Superiorità numeriche: Locatelli 4/9, R.N. Bologna 7/11.

Bologna espugna Genova, ma il grande cuore delle lontre regala al numeroso pubblico presente un incontro molto più bello ed equilibrato di quanto non fosse preventivabile dopo la incommentabile controprestazione della Locatelli a Lerici. Oggi le ragazze di Carbone (ottimamente sostituito da Michele Garalti per una squalifica totalmente immeritata e dettata, letteralmente, da informazioni false giunte al giudice unico regionale per le quali verrà a breve interessata la Procura Federale) giocano una gara assolutamente rimarchevole con grande coraggio, senza alcun timore riverenziale verso un avversario fortissimo come il Bologna, e senza abbattersi di fronte alle difficoltà dell’ incontro, difficoltà che arrivano subito, quando Verducci colpevolmente lasciata libera da buona posizione sigla in superiorità numerica, imitata da Invernizi con la involontaria complicità dell’estremo difensore ligure, Maria Bolla Pittaluga (complessivamente ottima partita, la sua) che si muove in ritardo.
Pronti, via e si va sotto di due reti, ma Tedesco accorcia le distanze, poi chiede il cambio e a questo punto in vasca le genovesi hanno una sola senior, Caterina Nucifora, e sei under 16, che confezionano pareggio (bomba di Donato) e vantaggio (rovesciata di Isetta dal centro) col quale le lontre si presentano, a sorpresa, al primo intervallo. Verducci segna il 3-3, e De Carli risponde in superiorità e sempre a uomo in più Verducci e Nicolai regalano a Posterivo il controsorpasso, ancora pareggio ligure con Cabona, ma un micidiale uno-due di Nicolai e Budassi allontana Bologna sul +2 di metà gara. La partita sembra prendere una piega definitiva quando Verducci approfittando di un sciagurato intervento di Donato su un rimbalzo, mette dentro il +3, ma la Locatelli di oggi è vivissima e De Carli e Nucifora (quest’ultima in superiorità) fanno rientrare in partita la loro squadra. Ancora un botta e risposta ad uomo in più di Invernizi e Cabona, ma quando sembra si possa andare all’ultimo intervallo con Bologna in vantaggio di una sola rete, Bolla Pittaluga pasticcia sul tiro tutt’altro che irresistibile di Budassi e regala il nuovo e decisivo break alle felsinee, che poi, dopo avere superato indenni l’ultima chance di rientro, in superiorità numerica,per le biancorossoblu, negli ultimi tre minuti di gioco chiudono la partita con il pokerissimo di Verducci e la rete di Monaco ed è quindi Bologna ad aggiudicarsi tre punti molto importanti che portano al titolo “invernale” in coabitazione con Trieste le emiliane, ma la Locatelli, che oggi fra le varie assenze aveva pure quella di Silvia Figari, uno degli elementi più forti ed esperti della squadra, può trarre da questa prestazione incoraggianti premesse per affrontare il girone di ritorno, a partire già dalla gara di domenica prossima a Varese.
Commento del tecnico della Locatelli Genova Stefano Carbone: “Oggi si è vista una bella partita, equilibrata ben oltre quanto possa dire il risultato, e per fortuna non per demerito delle nostre avversarie, ma per merito nostro e anche di un arbitraggio,quello di Bianco, ancora una volta impeccabile per valutazioni, tecniche, ma anche per atteggiamento, arbitraggio a prova di qualunque recriminazione. Le ragazze hanno mostrato grande coraggio e la prima rimonta con tre reti in sequenza di cui le ultime due siglate con sei under 16 in vasca sembra avere sbloccato la squadra, tanto più che giocavamo senza una delle giocatrici più solide del gruppo, Silvia Figari. Questo mi rende molto orgoglioso di loro, ma anche aumenta i rimpianti per la partita di Lerici, giocata ben diversamente da oggi, purtroppo. Ora non resta che seguire il binario tracciato oggi, dobbiamo farlo e farlo con continuità, perchè sappiamo dove ci porta.”

 

U.S.Luca Locatelli Genova a.s.d.

 

 

Print Friendly, PDF & Email