A2 M – Fossati presenta il nuovo Bogliasco

Fiducia e pazienza: saranno queste le pietre miliari che guideranno il percorso del nuovo Bogliasco maschile. Lasciata alle spalle la travagliata ultima stagione la gloriosa squadra biancazzurra riparte dalla A2 puntando su una squadra giovane e a forte vocazione locale.
“Questo per noi sarà l’anno zero – dichiara il direttore sportivo Gianni Fossati – quello in cui ricostruire ciò che, per una serie di circostanze che non intendo commentare, è stato dissipato negli ultimi anni. Nel recente passato si sono commessi tanti errori e ne stiamo pagando le conseguenze. Ma ora c’è una nuova dirigenza che sa che dovrà lavorare sodo per riportare il Bogliasco là dove merita. Nessuno si illude che questo percorso sia però facile e rapido. Sarà piuttosto un percorso a tappe, ma sono convinto che con impegno e passione questa dirigenza, con l’aiuto del Comune, potrà ristrutturare società e piscina. Dal punto di vista prettamente agonistico puntiamo ad una salvezza tranquilla. Chiaro che se poi dovesse arrivare qualcosa di più ben venga”.

Punti fermi del nuovo sodalizio saranno i senatori Guidaldi, Monari, Puccio e Di Donna. Oltre al tecnico Daniele Magalotti, confermatissimo alla guida del team: “Voglio ringraziare Maga – prosegue Fossati – perché nonostante avesse ricevuto altre offerte, magari anche più allettanti della nostra, ha deciso di restare con noi e di rimettersi in gioco. Lo stesso discorso vale anche per tutti i giocatori che non sono andati via, dimostrando di credere fortemente nei nostri colori. Il loro ruolo sarà fondamentale per trasmettere esperienza ed appartenenza ai tanti giovani che ogni sabato scenderanno in vasca a fianco a loro”.

Tre, almeno per il momento, i volti nuovi. Sono quelli di Giacomo Boero, Roberto Tamburini ed Ermanno Percoco, provenienti rispettivamente da Quinto, Crocera e Sori: “Per i primi due in realtà si tratta di ritorni, essendo cresciuti agonisticamente proprio qui alla Vassallo.  Boero è un giocatore di grande esperienza che al termine della passata stagione aveva annunciato il suo addio all’agonismo. Quando l’abbiamo chiamato non ha però resistito al richiamo del suo paese ed ha accettato con entusiasmo di rimettersi in gioco. Tamburini è uno di quei giocatori che hanno vinto tutto a livello di giovanili con le nostre under e dopo un paio di stagioni in giro per la Liguria è tornato alla casa madre. Percoco, infine, è un ottimo giocatore che conosce molto bene la categoria. Ma prima di tutto è un ragazzo come si deve. Avevamo poi contattato anche Sadovyy e dopo un iniziale assenso, ha detto di non sentirsela di rimettersi a giocare dopo aver mollato gli allenamenti per quasi un anno. E poi manca ancora un mese prima dell’avvio del campionato. Chissà che non possa muoversi ancora qualcosa…”.

A completare l’organico una sfilza di ragazzini terribili provenienti da uno dei migliori settori giovanili d’Italia: “Io ripeto sempre che a Bogliasco abbiamo l’acqua santa in piscina, perché ogni anno sforniamo talenti a ripetizione. Tra gli errori commessi in passato c’è stato quello di lasciarli partire troppo presto. È una cosa che non vogliamo più ripetere.  Bogliasco vuol tornare grande grazie ai suoi giovani anche se per farlo servirà un processo graduale. Ma quando torneremo laddove ci compete avremo sicuramente le spalle più larghe di prima”.

 

Bogliasco 1951

Print Friendly, PDF & Email