B M – Cus Palermo – Cosenza Nuoto 19-10

CUS PALERMO-COSENZA NUOTO: 19-10 (5-3; 3-3; 6-3; 5-1)

Cus Palermo: Consiglio, Abbaleo, Scafidi 1, Catania 1, Occhione 6, Lisi 3, Trebino 2, Damiano 2, Abbadessa, Mattarella 3,Di Piazza 1, Mineo, Ribaudo. Allenatore: Occhione.

Cosenza Nuoto: Guaglianone, De Luca, Chiappetta 3, Capanna, Trocciola 3, Aloi, Cavalcanti 3, Mascaro 1, Ponte, Altomare, Stellato, Morrone. Allenatore: Bartucci.

ARBITRO: Alessio Acierno

NOTE: Spettatori 100 circa. Alcune fasi della gara sono state giocate in assenza di tabellone e 30 secondi per problemi tecnici. Espulsioni: Palermo 5/10; Cosenza 4/8. Uscito nel quarto tempo Capanna (c) per limite falli.

Brutto colpo per il Cosenza Nuoto, battuto da un Palermo in grande spolvero oggi alle 13 nella piscina comunale della città siciliana. Il 19-10 è riflesso di una gara che Cosenza ha iniziato con il piede giusto, ma che con il passare dei minuti ha mostrato la forza e la qualità di tutta la rosa a disposizione di Occhione. Il tecnico dei siciliani ha saputo gestire i suoi giocatori contro i calabresi, apparsi stanchi nel finale e con pochi cambi a disposizione. Prima del match infatti, Daniele Cerchiara è stato fermato dall’arbitro per un piccolo problema burocratico, e mister Bartucci è stato costretto a fare a meno di uno dei migliori terminali offensivi della squadra. Cosenza però era riuscita a sbloccare la gara e portarsi addirittura avanti per 2-0 con le reti di Chiappetta e Mascaro. Poi il ritorno del Palermo che ha pareggiato, sorpassato i rossoblu e chiuso il primo tempo sul 5-3. Il secondo parziale è stato molto combattuto. Cavalcanti, Trocciola e Chiappetta hanno provato a trascinare la squadra che è andata al riposo lungo ancora sotto di due reti. Nel terzo il crollo, un po’ annunciato per la differenza di qualità, è valso al Palermo un parziale di 6-3 che ha chiuso praticamente la gara. Sotto di ben cinque reti i rossoblu si sono spenti, Bartucci ha cambiato il portiere e provato a cercare in panchina la freschezza dei giovani. Nulla da fare, perché i siciliani hanno premuto il piede sull’acceleratore chiudendo sul 19-10. Altra trasferta senza punti per Cosenza che lontano dalle mura amiche ha incontrato due delle squadre candidate alla vittoria finale. Saranno i match in casa a fare la differenza nel campionato dei ragazzi di Bartucci, che davanti al loro pubblico dovranno conquistarsi la permanenza nella categoria.

 

 

Cosenza Nuoto

Print Friendly, PDF & Email