C M – Antares Nuoto Latina stop pesante a Pomezia

SERIE C GIRONE 5

Roman Sport City Pomezia – Antares Nuoto Latina 7 – 4 (3-2; 2-0; 2-1; 0-1)

Roman: Salis, Ranaldi, Pioli 1, Campana 1, Tosi F. 1, Tosi E., Baldi, Staffulani 2, Valenti 1, Caprara 1, Ricco, Cesaroni, Gozzovelli. Tpv: Mauro Middei

Antares: Abballe, Mariniello, Luciano, Volpe, Zanutel 1, Tascioti, Tempera, Caracuzzi, Battistella 1, Zamperin 1, Toselli, Grossi 1, Passaretta. Tpv: Mauro Gubitosa

Arbitro: Carrer A.
Superiorità: Roman 4/7, Antares 1/8 + 1 rigore sbagliato.

Sconfitta meritatissima Per la serie C della Antares Nuoto Latina che cede letteralmente sotto i colpi di un coraggioso è tostissimo Roma Sport City a Pomezia per 7 a 4. La squadra di casa di mister Mauro Middei ha bene interpretato la partita giocando con il cuore e su alti livelli agonistici al contrario dei pontini che tranne per i primi minuti di gara hanno disputato una partita pessima e raccogliendo zero in termini di punti. Uno stop pesante che fa male e del quale dovranno rispondere interamente come responsabilità il mister è tutta la squadra che dal punto di vista tecnico oltre che mentale hanno letteralmente toppato il match. Troppa sufficienza e troppe le reti sbagliati clamorosamente davanti alla porta uno contro Zero, su rigore e con l’uomo in più da parte dei giocatori puntini che dopo il vantaggio per 1 a 0 pensavano forse di avere vita facile, avendo avuto diverse chance in avanti per poter raddoppiare e addirittura portarsi sul 3 e anche 4 a 0. Eppure come detto nei primi minuti gli atleti cari al Presidente Bruno Davoli difendevano discretamente bene ma avevano già nel primo quarto il torto di fallire clamorose occasioni da gol a tu per tu con il numero uno avversario, tirando addirittura fuori dallo specchio dalla porta. Così dopo 4 azioni e gol sbagliati clamorosamente d’avanti a Salis il Pomezia sfruttava subito la sua prima superiorità numerica per pareggiare e poi ribaltava il punteggio 1 a 3 punendo i latinensi in contropiede e ben attaccando la mezza zona degli ospiti sull’ entrata da parte dell’ex Daniele Campana. 3 a 2 risultato finale alla fine del primo tempo e addirittura un secondo parziale perso 2 a 0 e ben 12 minuti di black out totale da parte dell’ Antares, sotto anche 6 a 2, prima di riuscire a ritornare al gol nella terza frazione. I locali sfruttavano ancora un uomo in più portandosi ancora a +4 sul 7 a 3, mentre i ragazzi di Gubitosa sprecavano un rigore con Battistella, accorciavano sul 4 a 7 ma forzavano poi tutte le successive giocate fino alla fine dell’incontro con passaggi al centro avventati e conclusioni egoistiche forzate ancora in superiorità numerica.

COMMENTO DS GIANNI BRUSCHI
“Abbiamo giocato con sufficienza prima e dopo anche con negligenza, quando a partire dalla metà del terzo tempo il Roman sul 6 a 2 rinunciava a giocare schierandosi, con una pallanuoto vecchia maniera dì 40 anni fà, con tre giocatori avanti e tre indietro. Ma parliamoci chiaro, si sa che lo scopo alla fine e solo quello di fare i tre punti e vincere anche con una tattica del genere e che alla fine ha pagato in quanto il Roman ha difeso bene a pressing mentre noi abbiamo accettato la lotta innervosendoci e andandoci ad incartare. C’è da fare tutti un esame di coscienza e in settimana faremo un bel punto della situazione con la squadra”.

DICHIARAZIONE PRESIDENTE BRUNO DAVOLI
Meriti indubbi ad un bel Roman ma grida vendetta la nostra brutta performance. Al di là di tutto i numeri sono spietati ed è stato grave non segnare per oltre 12 minuti, quasi 2 tempi. Restando sui numeri abbiamo realizzato 1 Uomo in più su 8 espulsioni a favore oltre a un rigore sbagliato, subendo 4 gol su 7 situazioni di inferiorità numerica. A nulla poi sono serviti i richiami e il Time out a 1 minuto dalla fine del coach Gubitosa con una squadra irriconoscibile che ha giocato senza cuore e testa, con supponenza e mancanza di umiltà. Il gruppo sarà a rapporto con la società ma già da ora l’imperativo sarà quello di riscattarsi subito dal prossimo incontro e con una prestazione di grande livello all’altezza della fama dell’Antares”.

 

 

 

Antares Nuoto Latina

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email