C M – G.S. Aragno – Azzurra Nuoto Prato 9-10

 

G.S. Aragno – Azzurra Nuoto Prato 9-10 (3-3; 4-3; 1-3; 1-1)

G.S. Aragno: C. Gujel, M. Gujel, Carlini 1, Moncagatta 2, Utili 2, Orezzi, Taddei, Boccone 2, F. Tondina, Puglia 1 (rig.), Canepa (cap.), Zambello, Maiocchi 1. Allenatore: Merello.

Azzura Prato: Antonini, Cerbai 3, Giulietti 2, Della Giovampaola, Cencetti, Berni, Chiari 4, Grandini, Gregolon, Brachi, Scali, Calamai, Pontillo 1.

Arbitro: Andrea Rondoni
Superiorità: Aragno 1/6, Prato 4/13.
Note: Usciti per limiti di falli Zambello (ARA) nel III tempo, Scali (PRA) e F. Tondina (ARA) nel IV tempo.

Dopo il pari all’esordio in terra piemontese, il Gruppo Sportivo Aragno bagna il debutto casalingo con una sconfitta: la formazione toscana dell’Azzurra Prato si impone nella piscina di Lago Figoi per 10-9, al termine di un incontro molto fisico, equilibrato, deciso in ultima analisi dagli episodi.

I praesi si presentano al match privi del loro capitano Lorenzo Tondina, squalificato, e del centrovasca Suriosini, infortunato; esordio stagionale per il veterano Carlini e il giovane Puglia, autori peraltro di un gol a testa.

Mister Merello in settimana aveva chiesto un approccio alla partita più deciso, dopo il sonno iniziale della settimana scorsa. Difatti i primi minuti sono tutti di marca Aragno: doppio Utili inframezzato dalla rete di Moncagatta, 3-0. I toscani, sorpresi dall’inizio volitivo dei padroni di casa, reagiscono con un controparziale di 3-0 con cui chiudono sul pari la prima frazione. Sugli scudi il mancino Chiari (doppietta) e Giulietti, 3-3 alla prima pausa.

Nel secondo quarto gli ospiti gettano la maschera, facendo continuamente ricorso alle proprie due armi principali, fisicità e ripartenze, che mettono in difficoltà la difesa praese. Segna l’esperto Cerbai, 3-4. Un sussulto dei padroni di casa, Carlini da posizione uno infila Antonini, pari a 4. Dal centro l’Aragno si guadagna un rigore, che prontamente Puglia trasforma, 5-4. Ancora Cerbai da fuori, 5-5. Gran gol di Boccone dal centro, 6-5. Terzo gol di Chiari, 6-6. A dodici secondi dalla sirena di metà gara mister Merello chiama timeout, disegna lo schema, e sugli sviluppi dell’azione Maiocchi si gira fulmineo e scaraventa in rete, si va al riposo con l’Aragno avanti 7-6.

Al cambio di campo la compagine toscana prende il largo: altro parziale di 0-3, questa volta decisivo, con i gol di Chiari (quaterna), Giulietti e Pontillo, 7-9. Moncagatta accorcia le distanze nell’unico uomo in più finalizzato dai padroni di casa, uno su sei lo score finale in superiorità. Un paio di parate di Antonini e Gujel e il terzo parziale termina sull’8-9.

Nell’ultima frazione le squadre appaiono affaticate e nervose, affrontandosi più con il cuore che con raziocinio. Ben presto i biancorossi si ritrovano senza i due marcatori, usciti entrambi per tre falli. Ne approfitta ancora Cerbai, che porta a +2 i suoi, 8-10. La rete di Boccone a due minuti dalla fine alimenta le speranze praesi, che si infrangono nell’ultima azione sulle mani di Antonini, che blocca l’affrettata conclusione di Puglia in uscita dall’ultimo timeout della gara.

A differenza della prima giornata, nel complesso l’Aragno ha messo in acqua una prestazione convincente e intensa, che però non è bastata per portare a casa la prima vittoria in campionato.

Onore all’avversario, che ora si trova in testa alla classifica in coabitazione con Imperia e Andrea Doria, prossimo avversario dell’Aragno sabato prossimo a Lago Figoi, ore 20:15.

 

GS Aragno

Print Friendly, PDF & Email