C M – L’Antares Latina si impone sull’Ede e conquista i Play Off

Antares - Ede
SERIE C GIRONE 5, LAZIO

SALE A 13 TURNI L' IMBATTIBILITA' DEI RAGAZZI DEL PRESIDENTISSIMO ALBERICO DAVOLI

ANTARES NUOTO LATINA – EDE PALLANUOTO ROMA 9 – 5 (1-1; 4-2; 2-2; 2-0)

Antares: De Rossi, Balestrieri 1, Pappacena F., Campana 3, Zanutel 1, Tempera, Pappacena A. 1, Tasciotti, Battistella 1, Zamperin 2, Bagnato, Depilcozuane, Passaretta. Tpv: Mauro Gubitosa

Ede: Cipro, Castaldo, Zarelli, Dibartolomei, Castaldo L.1, Mosca, Fortuna, Aloisio, Ozino 1, Cingolo 3, Piccirilli, Riviezzo, Folcarelli. Tpv: Christian Tomassetti.

Arbitro: Riviezzo
Superiorità: Antares 5/11 + Rig. 1/1 segnato da Campana;  Ede 2/7 + Rig. 0/1 parato da De Rossi nel 4° tempo.
Sequenza reti: 0-1; 1-1; 1-2; 3-2; 3-3; 6-3; 6-4; 7-4; 7-5; 9-5

Nuova vittoria per l'Antares Nuoto Latina che nella 6^ giornata di ritorno del Campionato di Serie C girone Lazio è riuscita a domare per 9 a 5 anche la resistenza dell'Ede Nuoto Roma. Piscina Open ancora una volta teatro di una partita avvincente con una folta schiera di sostenitori e ragazzi delle giovanili presenti sulle gradinate della 33 x 21 a tifare per i colori rossoblù pontini insieme agli amici Carlo della TSC, Marco per Doma, Amerigo di Qubo, Vincenzo del Nuovo Toscano, Barbara della Icar, Sansone di Molotov. Stefano della Comi, Simona della Agricola Snidaro e Gian Marco per Loggia. Con questo successo i ragazzi del Presidente Bruno Davoli infilano il 13° risultato utile consecutivo e si confermano al 2° posto a – 2 dalla capolista Accademia, e sempre con a 6 punti vantaggio sulla Libertas, 3^ forza del campionato. Il successo del Centumcellae sull'Anzio permette ai civitavecchiesi con 29 punti di tenere la 4^ piazza relegando i neroniani in 6^ posizione. Questi ultimi sono scavalcati di una lunghezza dalla Roma Waterpolo, 5^ a 23 punti, che a sua volta certifica a 5 turni dalla fine la certezza play off per l'Antares,.

La cronaca della partita e stata caratterizzata nel 1° tempo dalla partenza soft dei locali e al contrario dallo sprint iniziale degli avversari. E' un pò il leit motiv che da 4 incontri a questa parte accompagna l’avvio contratto e/o sornione, secondo i punti di vista, dei pontini. Altro classico le solite tre buone opportunità nei primi minuti per i padroni di casa, due delle quali in superiorità numerica, che si volatilizzavano subito. Era l’Ede quindi a passare in vantaggio 1 a 0, anche se in chiusura di frazione replicava per l’ 1 a 1 Zamperin. All'inizio del 2° periodo i capitolini tornavano avanti 1 a 2, sfruttando l’uomo in più, ma ancora il centroboa Matteo "Toro" Zamperin pareggiava 2 a 2 sfruttando la superiorità concessa dal direttore di gara Riviezzo. Il 3 a 2 per il primo "advantage" dei latinensi, siglato da Stefano Battistella in controfuga, veniva subito impattato 3 a 3 dalla formazione di Lanciani. A questopunto l’Antares imprimeva una prima accellerata alla gara con un filotto di 3 gol a 0, grazie in primis al rigore procurato dal centroattacco Sacha Depicolzuane e realizzato per il 4 a 3 da Daniele Campana. La superiorità numerica griffata da Francesco Balestrieri permetteva poi ai rossoblù di coach Mauro Gubitosa di cambiare campo, al giro di boa di metà partita, sul 5 a 3 in loro favore.

In avvio di 3° tempo un uomo in più permetteva a Luca Zanutel di siglare il 6 a 3 e completare il break di 3 a 0. L’Ede però si rifaceva sotto realizzando il suo quarto gol, ancora su schema di superiorità numerica. Campana ristabiliva le distanze con il gol del 7 a 4, anche lui dopo una bella espulsione a favore guadagnata dalla sua squadra, ma i romani accorciavano 7 a 5 con un tiro dai 5 metri concesso dal signor Riviezzo. Prima ancora sia sul 7 a 4 che successivamente al 7 a 5, i latinensi avevano delle buone opportunità per incrementare lo score ma i coast to coast di Campana e Tasciotti non sortivano effetto. Gli ospiti avevano l'occasione ad inizio dell’ultimo quarto di portarsi sul 7 a 6 con un rigore che veniva però magistralmente parato da Christian De Rossi. Scampato il pericolo l’Antares chiudeva i giochi con la terza rete personale di Campana per l’8 a 5, su un bel movimento in entrata, e con il gol del 9 a 5 in superiorità numerica di Alessio Pappacena, servito sempre da Campana.

Dichiarazione Diesse Giovanni Bruschi
“Inizio in sordina, come capitato già in altre gare, poi i giocatori hanno tirato fuori la grinta, e come sempre succede nel 3° e 4° tempo sono emerse anche le loro qualità tecniche ed atletiche. Non era semplice avere ragione di una buona Ede che come la Casetta bianca, grazie a un bel mixati di giovani e senior, non molla mai e al minimo errore ti punisce. Volevamo però a tutti i costi i 3 punti e alla fine pur non brillando, come invece accaduto con l’Accademia, abbiamo condotto in porto la vittoria. Sabato scorso avevamo conquistato matematicamente la salvezza, essendo irraggiungibili dalla terz’ultima, oggi ci siamo assicurati la certezza di disputare quanto meno i Play Off”.

Commento Presidente dell’Antares Bruno Davoli
“Complimenti al team di Christian Tomassetti, in rampa di lancio per un bel finale di stagione, ci hanno fatto penare ma siamo stati bravi a non disunirci e a non ricadere nell’errore commesso con l’Anguillare di forzare le giocate ed innervosirci. La salvezza era il primo e minimo obiettivo stagionale e la squadra è stata brava a ottenerla a 6 giornate dalla fine e ora, grazie sempre alla striscia di 13 risultati di fila, abbiamo raggiunto con 5 turni di anticipo anche la matematica certezza dei Play – off grazie ai 16 punti di vantaggio sulla 4^ in classifica. Inutile però fare calcoli perché la forza del nostro splendido gruppo e del coach è stata fino ad oggi quello di pensare solo alla gara della settimana.”.

Commento Stefano Battistella
“Stiamo facendo un bel percorso con un gruppo fantastico. la dimostrazione è che ad ogni incontro anche se manca sempre qualcuno di noi, come in questa occasione Luciano Giammaria o precedentemente il sottoscritto, la squadra si compatta e segue le indicazioni del mister Mauro Gubitosa, tirando fuori prestazioni autoritarie. Le indicazioni della società e la strada intrapresa sono quelle giuste per toglierci qualche soddisfazione. Partita dopo partita e con questa mentalità si può arrivare in alto ma con la giusta umiltà sia nel soffrire in allenamento come nell’affrontare il prossimo avversario, che per la gara di sabato risponde al nome dell’Anzio”.

 

Foto di Raffaela Russo

Print Friendly, PDF & Email