C M – Libertas Roma, il destino nelle proprie mani

Centumcellae P.N./Libertas Roma Eur 6-8 (2-3) (1-2) (2-2) (1-1)

Libertas Roma Eur: Petrini, Scassellati (1), Carrer, Cimini (4), Di Martino, Cipollone (2), Camposecco (1), Procopio capitano, Todini F., Casciani, Sean, Riviezzo, Zocca. All.Lucchini Luca

Note: due rigori decretati dal Sig.Di Liddo a favore del Centumcellae entrambi realizzati nel 1° (2-3) e nel 2°(  3-5) quarto;

“Oggi per noi è la partita della vita….” Questa è stata la dichiarazione rubata ad un atleta avversario, uno spirito combattivo applicato diligentemente e messo in acqua dagli atleti tirrenici….che giustamente, avevano bisogno di punti salvezza. Gli auguriamo però di prenderli con le nostre dirette concorrenti…ma oggi per la Libertas, era troppo importante portare a casa i tre punti e attendere il big match della serata.

Il titolo riflette infatti gli avvenimenti successivi,  perché ora il nostro destino potrà essere disegnato solo applicando in ogni match la giusta concentrazione, dedizione e determinazione che ci consenta di chiudere in bellezza un campionato fin qui straordinario.

La Libertas parte fortissima….a metà del primo tempo è già avanti di tre reti Scassellati, Cimini e Cipollone timbrano il cartellino delle marcature; in  evidenza il tenace Cipollone che gira in porta un bel pallone servito dal suo compagno e, con una rovesciata magistrale, scaglia con bella tecnica la palla sopra la testa del portiere sorpreso. Una distrazione e un rigore assolutamente inesistente….consentono al Centumcellae di restare in partita.

L’avvio del secondo tempo è ancora appannaggio della Libertas che tenta a più riprese l’allungo che le consenta di giocare in scioltezza e prima Camposecco con una rasoita precisa infila il sette dell’estremo difensore avversario e poi Cimini riportano il vantaggio a più tre ma, una nuova distrazione difensiva, permette un nuovo penalty ai tirrenici che ripetono la prodezza del primo rigore  accorciando le distanze.

Continuano a fioccare le occasioni ma la troppa imprecisione non consente l’allungo.

Cambio vasca e il refrain dei primi due tempi si ripete, la Libertas accelera e con due reti  porta il vantaggio ad un più quattro rassicurante, ma evidentemente oggi non è la giornata giusta per provare a rilassarsi e i continui strappi atletici conseguenza di una serie incredibile di falli fischiati su ripartenze consentivano al Centumcellae di tornare in partita dimezzando di nuovo il vantaggio e facendo spendere forze ed energie agli atleti romani costretti a rincorrere gli avversari per chiudere tutti i varchi nel frattempo apertisi nella propria zona difensiva.

Si preannunciava un quarto tempo caldo….infatti all’ennesima rete di Cimini ( la quarta per lui nella giornata) qualcuno perdeva le staffe ( un colpo proibito in pieno viso) costringendo il tecnico dei romani a far uscire dall’acqua il suo atleta per salvaguardarlo da eventuali falli da gioco violento.  In questa fase dell’incontro, la Libertas continuava a divorare occasioni incredibili (Scassellati docet con il suo pallonetto sulla traversa) e come sempre accade in questi casi ciò che  la tradizione afferma, trovava conferma nel detto “gol sbagliato… gol subito” e con due minuti ancora da giocare, la partita si accendeva ancor di più ma, stavolta, era il nostro estremo difensore, Mister Tranquillità ( la sua serenità è davvero proverbiale ) in persona che spegneva le ultime velleità di un clamoroso recupero.

E’ il tempo del cuore ma anche della testa…..occorre saperla usare e mettere da parte ogni egoismo o personalismo e remare tutti insieme per portare a casa un risultato che sarebbe storico e di grosso prestigio.

Prossimo incontro l’Argentario….il bel promontorio ci aspetta e noi saremo certamente pronti a raccogliere innanzitutto la sfida culinaria e poi quella sportiva, per un match sicuramente non facile. Conosciamo la loro  forza e le loro capacità atletiche e tecniche  per averli testati già nel match di andata, pertanto sarà necessario essere concentrati per non perdere più il treno della vittoria.

“Il coraggio è il nostro sesto senso e ci fa scoprire la strada più breve per il trionfo.”

Che il coraggio diventi la vostra forza…..

W la Libertas…sempre

 

Cimini David

Print Friendly, PDF & Email