C M Spareggi – La Libertas Roma Eur è in finale

Libertas Roma Eur/ Team Osimo  7-8 (0-3) (2-1) (1-2) (4-2)

Inatteso e inaspettato, è giunto nel primo pomeriggio il risultato finale del match di chiusura che vedeva opposti i team della Campania e delle Marche, ebbene, per una volta, la Libertas ha beneficiato del favore della dea bendata è ha raggiunto per la prima volta nella sua breve storia, la possibilità concreta di fare il salto di categoria mancato per un soffio due anni fa in semifinale.

Questa è la giusta premessa…e il ringraziamento alla sportività del Team Osimo ( non deve essere facile sentirsi sfuggire di mano un obiettivo a portata di mano) e al coraggio della Nuoto 2000 Napoli che ha profuso ogni sforzo per sovvertire un pronostico che la vedeva sfavorita dopo il primo incontro.

Il racconto della prima partita  pomeridiana è ormai storia ma, è interessante capire e fare tesoro degli errori, se ci sono stati, fatti nel corso dell’incontro serale.

La sensazione di aver fatto una grande partita contro la squadra napoletana ci aveva fatto pensare che la partita successiva fosse quasi una formalità. Le energie fisiche e menatli spese, erano state tante e l’approcco alla partita successiva metteva in apprensione la tifoseria eurina…come spiegare altrimenti il primo quarto? Infatti quello che tutti temevano si è materializzato. Un 3 a 0 inequivocabile e impietoso che lanciava in orbita le speranze degli osimani.

Davvero troppo brutti per essere veri con un approcco mentale diametralmente opposto alle quattro partite di play off precedentemente disputate.

Dal 2° quarto la Libertas scende in campo ed inizia il costante lavoro di avvicinamento al risultato positivo che sarà premiato con il pareggio  (6 a 6) a tre minuti dalla fine del match. Camposecco il marcatore che fa’ esplodere il Foro.

Ma la Libertas in quel momento più che sulle ali di una ritrovata condizione fisica che, non poteva certo essere al top, guadagnava il vantaggio con un destro ad incrociare sul lato opposto di Todini Daniele che regalava ai suoi la speranza di chiudere i conti per una giornata memorabile.

Mancavano solo 1m. e 48sdi. alla fine. Più che la paura è subentrata la stanchezza, le gambe non rispondevano più e il Team Osimo riprendeva coraggio e determinazione e con due tiri dalla distanza, l’ultimo dei quali a 38 secondi dalla fine, ribaltava incredibilmente il risultato.

Neanche la superiorità concessa dall’arbitro a 17 secondi dal termine, consentiva alla Libertas di impattare il risultato, il tiro di Cimini colpiva impietoso il braccio proteso del difensore deviandolo fuori dallo specchio della porta e spegnendo ogni entusiasmo.

Poi il miracolo….che solo lo sport concede alle speranza e, la Libertas dopo un vorticoso giro di telefonate, aveva la certezza di essere la prossima avversaria della squadra di Milano ( Metanopoli).

E’ necessario recuperare testa ma soprattutto gambe, per affrontare un avversario che si preannuncia ostico e di qualità.

Forza Libertaaaasssss….sempre

 

Cimini David

Print Friendly, PDF & Email