FIN CUP – Tonfo che fa male quello del Cosenza

Città di Cosenza – Bogliasco 5-6 (0-3; 2-1; 1-1; 2-1)

Città di Cosenza: Gorlero, Citino, Nisticó, De Mari, Motta S. 3, De Cuia 1, Kuzina 1, Nicolai, Di Claudio, Presta, Motta R., Greco, Sena. Allenatore: Capanna.

Bogliasco: Malara, Viacava 1, Zimmermann 3, Bettini, Trucco, Millo, Maggi, Rogondino, Boero, Mauceri, Cocchiere, Casey, Imperatrice. Allenatore: Sinatra.

Arbitri: Zedda e Filippini.
Superiorità numeriche: Cosenza 3/12, Bogliasco 4/17 + un rigore.
Note: usciti per limite di falli Presta (C) e Greco (C) nel terzo tempo. Ammonito il tecnico Capanna (C) nel terzo tempo.

È un tonfo che fa male quello di Cosenza contro Bogliasco nel match che ha aperto la giornata odierna di Fin Cup. Non per il risultato di 6-5, e neanche per la sconfitta, che, ad onor del vero, non incide troppo sul morale e sulla posizione finale. La battuta d’arresto dispiace per come è arrivata, all’ultimo secondo dopo una rimonta cercata nonostante il solito inizio shock, e perché forse in vasca non tutte sono riuscite ad esprimere ciò che il tecnico chiede. Non è riuscita quindi forse più per demeriti propri che per bravura degli avversari la replica del match con Milano, superato in extremis ieri. Contro le liguri infatti, dopo il primo parziale in cui Cosenza era sotto di tre, è arrivata la solita rimonta fino al 5-5, firmata Silvia Motta e De Cuia a pochi minuti dal termine. Solo il gol di Viacava negli ultimi secondi ha regalato il successo al Bogliasco. Niente drammi per la gara persa che valeva l’accesso alle “finaline” per 5-6 posto, ma tanti lati su cui riflettere per Capanna, che al momento ha incassato una vittoria, due sconfitte di misura contro avversarie forti e un brusco ko contro Rapallo. Sembra che a Cosenza manchi sempre quel pizzico di fiducia in più per portare a casa i match, anche quelli in cui parte sfavorita nel pronostico ma che gioca con coraggio e alla pari. Dati che serviranno all’allenatore per preparare l’incontro in campionato della prossima settimana e capire quali sono le giocatrici su cui puntare forte. Prima però la gara di domani per evitare l’ultimo posto.

 

 

Cosenza PN

Print Friendly, PDF & Email