Frassinetti parla della Coppa Italia

Il suo addio alla pallanuoto giocata è ancora fresco. Ma come promesso all’indomani della decisione più difficile della sua vita, forse non solo sportiva, Teresa Frassinetti non ha abbandonato l’acqua clorata né tantomeno il Bogliasco. Uscita dalla vasca l’ex centroboa si è adagiata sul bordo piscina per assumere il ruolo di team manager di quella squadra che fino a poche settimane fa era anche sua: “Stare in panchina è molto strano – ammette la medaglia d’argento di Rio 2016 – perché comunque per quanto tu sia vicina all’acqua non è la stessa cosa di quando ci sei dentro. Soprattutto quando vedo le ragazze in difficoltà. Vorrei essere lì con loro per aiutarle, tranquillizzarle e consigliarle. Certo, provo a farlo lo stesso dal bordo vasca ma è chiaro che non può essere la stessa cosa”.

Nonostante la sua mancanza rappresenti per Bogliasco una perdita enorme, in questo avvio di stagione le sue ex compagne non sembrano aver accusato grossi contraccolpo, compensando la carenza con una maggiore compattezza collettiva: “La nostra è una squadra molto giovane e dopo il mio addio lo è ancora di più – prosegue Frassinetti – però prima o poi questo momento doveva arrivare e credo che questo fatto possa essere un ottimo motivo di crescita per tutte le ragazze. Adesso ognuna di loro si deve per forza responsabilizzare un po’ di più rispetto al passato. Chiaro poi che alcune, e parlo delle più esperte come Elena, Eugenia e Giulia (Maggi, Dufour e Rambaldi) lo dovranno fare più di altre. Ed in effetti ognuna, a proprio modo e seguendo i rispettivi caratteri, sta facendo ciò che deve. Così come farà senz’altro Carola (Falconi) non appena tornerà a disposizione”.

Nel frattempo il calendario questo fine settimana manda in scena la prima fase della Coppa Italia. Un trofeo che nel recente passato ha consentito a molte di queste stesse giocatrici di raggiungere il punto più alto nella storia della pallanuoto bogliaschina femminile. Il primo turno della seconda competizione nazionale vedrà sabato e domenica le ragazze di Sinatra ospitare alla Vassallo il Nuoto Club Milano e il Rapallo Pallanuoto, nel raggruppamento a tre squadre con gare di sola andata che ne qualicherà due alle fase successiva: “E’ vero che è solo un turno preliminare – analizza Teresa – ma è pur vero anche che ogni formazione disputerà solo due gare e dovrà dare il massimo per non venire eliminata. Sarà un girone meno facile di quanto possa sembrare ma si può far bene. Il fattore campo per una squadra giovane non sempre è un’arma a proprio favore. A volte si può rivelare un boomerang perché ti mette addosso maggiore pressione. Ma è anche attraverso questi frangenti che una squadra deve imparare a crescere”.

La due giorni di Coppa inizierà sabato sera alle 20 con il quarto derby stagionale tra Bogliasco e Rapallo. Domenica alle 13 le tigulline sfideranno Milano, mentre alle 19 ci sarà l’ultimo incrocio del raggruppamento, quello tra le ragazze di Sinatra e le meneghine.

 

 

Bogliasco 1951

Print Friendly, PDF & Email