Promozione – Ritorno alla vittoria per Casetta Bianca

Casetta Bianca vs Juventus 10 – 4

Superiorità: Casetta Bianca 2/4 – Juventus 0/3

Casetta Bianca: Del Moro, Colella (3), Corsini (1), Aversa (2), Zotti, Romanello (1), Viggiano, Islami, Fainelli, Pocci (2), Curatolo, Rugora (1), Pavone. All: Paul Schollmeier, 2°All Davide Bini.

Arb: Petrini A.

Ritorno alla vittoria per Casetta Bianca che dopo il pareggio della scorsa giornata maturato in maniera rocambolesca contro la Pol. Delta, torna a prendere i 3 punti e mantiene la testa della classifica del girone C, a spese della Juventus.

Primo tempo che parte in salita per i padroni di casa che alla prima disattenzione subiscono il gol del vantaggio ospite dopo aver sprecato diverse occasioni sia al centro che al perimetro, peccando di poca precisione davanti al portiere avversario. È Corsini a riportare la partita in pareggio con un preciso tiro da posizione 1 prima che la Juventus torni di nuovo avanti e abbia addirittura l’opportunità di chiudere in attacco il primo quarto, sprecando però l’occasione e concedendo al numero 10 Pocci la palla del 2 pari, trasformata con un bel pallonetto.

In apertura di secondo tempo sono di nuovo gli ospiti a riportarsi in vantaggio sugli sviluppi di una superiorità numerica, ma la doppietta di Aversa (prima su uomo in più, poi in ripartenza) ribalta la situazione nell’arco di 40 secondi, mentre Rugora consolida il vantaggio.

All’inversione di campo la svolta della partita. La Juventus accorcia le distanze sul 5 a 4 sprecando alcune azioni offensive che avrebbero portato al pareggio;da lì in poi la gara si mette in discesa per Casetta Bianca che, finalmente cinica e concreta, spinge sull’acceleratore e piazza un parziale di 5 a 0 per il definitivo 10 a 4, lasciando pochi spazi agli attacchi avversari. Decisiva per chiudere la partita la tripletta di Colella (al rientro dalla squalifica) e i gol di Pocci e Romanello.

Il commento del tecnico Schollmeier

“Abbiamo sprecato troppe occasioni nei primi minuti pur avendo costruito molto di quanto provato durante gli allenamenti in settimana; dobbiamo continuare a lavorare su questo aspetto perché siamo costretti poi ad allungarci nel finale facendo ricorso alle ultime energie rimaste, quando invece potremmo gestirle diversamente. Questo è frutto anche di qualche convocazione forzata, di un po’ di nervosismo e, ahimè, di alcune assenze.”

 

 

Redazione Circolo Casetta Bianca

Print Friendly, PDF & Email