U 20 & U 15 – Antares Nuoto Latina: in bella evidenza le categorie junior e ragazzi

U20 alla Open
UNDER 20

Antares Nuoto Latina – Anzio  Nuoto e Pallanuoto 4 – 4 (0-0; 1-2; 1-1; 2-1) Arb. Martinelli

Antares: Abballe L., Bianconi, Toselli, Sbiera 2, Davoli, Mariniello 1, Alpestri, Mascolo, Mottola, Gradizzi 1, Del Guerzo. Tpv Mauro Gubitosa.

Anzio: Paci, Cafaro 1, Colanera, Esposito 2, Mazzarino 1, Tonon, Fiorucci, Giordani, Bedoui, Cava. Tpv Domenico Crisera'.

Superiorità: Antares 0/2 + Rig 1/1; Anzio 1/7.

Bell’incontro e giusto pareggio 4 a 4 tra Antares e Anzio nella seconda giornata di ritorno del Campionato Under 20 Nazionale. La partita è stata ricca di spunti agonistici e molto tattica, più che tecnica con le due squadre che rispettose l’una dell’altra hanno impostato entrambe una partita privilegiando maggiormente la fase difensiva a discapito molte volte della precisione e cura delle azioni d’attacco. Logico ne uscisse fuori una partita che si è poi sviluppata come prevedibile sul filo dell’equilibrio con un primo tempo chiuso addirittura sullo 0 a 0, ma che poteva finire per le occasioni da ambo i lati anche 2 a 2.  L’incontro si è sbloccato nel secondo periodo di gioco con il vantaggio dell’Antares a cui però replicava, con un uno – due, l’Anzio per il controsorpasso. Equilibrio nel punteggio anche nella terza frazione con i pontini che pareggiavano ma subivano il nuovo vantaggio degli atleti di Mimmo Criserà. Nell’ultimo quarto i ragazzi di Mauro Gubitosa trovavano la forza per ribaltare il risultato e iniziava a quel punto un susseguirsi di azioni con la possibilità di impattare per gli ospiti e di un doppio vantaggio per i pontini. Sull’ennesima espulsione sanzionata nel finale dal direttore di gara erano però i neroniani a trovare il gol del pareggio. 

Pareggio alla fine tutto sommato giusto ma per i latinensi, al di là di una vittoria sfumata a pochi secondi dalla fine, la consapevolezza di una squadra in crescita. Buona prova da parte di tutti i rossoblù , prodigandosi per sopperire alle assenze dei compagni indisponibili, Pappacena, Lambiase, Mazza e Petricola, compresi gli Under 17 presenti in squadra. Ottima risposta in questo senso da parte del giovane portiere Categoria Allievi Lorenzo Abballe, che ben sostituiva il titolare Alessandro Mazza. Nell’Antares doppietta di un Narcis Sbiera in giornata di vena, che si procurava anche il rigore poi trasformato da Paolo Gradizzi, e una rete per Fabio Mariniello.

U15 Antares

UNDER 15 NAZIONALE

Antares Nuoto Latina – Zero 9 Roma  2 – 8 (1-0; 0-3; 1-2; 0-3) Arb. Palone

Antares: Bonomo, Marcelli 1, Parodi, Marini, Abballe, Sotis 1, Nocca, Ungureanu, Guadagnoli, Mottola, Marcheselli, Intini. Tpv: Pellegrini.

Zero 9: Cocco, Siani 1, De Simone 1, Cirilli 1, Cianchetti 1, Zandri, Cuna 3, Vannini 1, Dominici, Calandro, Maini, Massari, Di Pasquale. Tpv: Francesco Zangari

Superiorità: Antares 0/5; Zero 9 2/13

Una bella prestazione anche per la categoria Under 15 dell’Antares che al cospetto di un solido Zero 9 ha ceduto alla fine 2 a 8 ma senza dubbio con l’onore delle armi e la certezza di aver disputato una buona partita che solo per alcune cervellotiche situazioni capitate in acqua hanno impedito ai giocatori di Gian marco Pellegrini di rimanere in partita fino alla fine della partita. Lo Zero 9 alla fine ha prevalso meritatamente e il quid in più del team di Francesco Zangari sarebbe venuto fuori comunque, ma certamente tante decisioni hanno lasciato scontenti ed interdetti entrambe le squadre, tecnici, spettatori presenti ad assistere la gara. Capita di fare errori ma perseverare è guardare solo una situazione di gioco è diabolico soprattutto poi quando, ma non è il caso di questo incontro, si perdono di vista colpi e falli ben più importanti che si svolgono a palla lontana. In un discorso che coinvolge tutti al di là di questa partita se si vuole migliorare c’è bisogno di crescere, di allenarsi quotidianamente e di confrontarsi.

Sulla Gara ad un ottimo primo tempo difensivo dell’Antares c’è stata la reazione  veemente dello Zero 9 nel secondo periodo che incrementava il vantaggio anche nella terza frazione. I pontini si portavano fino al 2 a 4 e cercavano di ricucire lo strappo nell’ultimo quarto ma i tanti controfalli fischiati in tutte le zone del campo agli ingenui atleti locali e la stanchezza per lo sforzo profuso di quest’ultimi consegnavano di fatto il risultato nelle mani dei capitolini che incrementavano lo score. Come detto però bicchiere mezzo pieno e tante note positive per i latinensi con una crescita nell’applicazione tattica da parte di tutti, una grande predisposizione mentale al sacrificio, e buone prove anche dai più piccoli 2003 e 2002 quando sono stati chiamati in causa. 

Print Friendly, PDF & Email