C M – Busto Nuoto – Everest Piacenza Pallanuoto 2018 6-7

CAMPIONATO DI SERIE C – GIRONE 1

BUSTO NUOTO – EVEREST PIACENZA PALLANUOTO 2018  6 – 7 (2-3) (2-2) (1-1) (1-1)

Busto Nuoto:.Dordoni, Benassuti A., Asperi, Benassuti L. 2, Benedetti, Coscia, Colombo 2, Codoro, Rebonato, Petrozza 2, Tesolin, Re, Pedroni.All.Gam .

Piacenza : Bernardi , Branca 1, Alessio 4, Nani, Anceschi, Bianchi, Merlo 1, Fanzini 1, Cighetti, Zanolli, Mastrogiovanni, Maglione, Sartori. All. F.Fresia

SupNum : Busto 2/8  Piacenza 4/10
Rigori: Busto 0/0 Piacenza 0/0
Arbitro: Nicoletta

Giornata indimenticabile e probabilmente decisiva per il futuro dell’Everest Piacenza Pallanuoto 2018 che vince con molta fatica nella difficile vasca di Busto, ma che si rallegra della sconfitta ( sebbene ai rigori ) della rivale Aquatica che a questo punto si trova ad otto lunghezze dagli uomini di Fresia.
Quindi un altro decisivo passo avanti verso il mantenimento di quel secondo posto che permetterebbe ai piacentini di andare il 13 luglio allo scontro secco contro la prima della Puglia al Centro Federale di Ostia.
Questa concomitanza arriva proprio nel giorno in cui i ragazzi di Fresia offrono una prestazione al di sotto della loro media, soffrono e fanno soffrire il loro pubblico, faticando oltremodo a superare un avversario molto ostico e cinico, privo di un gioco collettivo, che ha il merito però di non aver mollato mai e di aver saputo, attraverso l’esperienza dei suoi uomini di punta, mantenere sempre in corsa i padroni di casa.
Per il Piacenza, privo di due difensori di ruolo, il merito di non aver perso la testa nonostante i numerosi errori commessi un po’ da tutti, anche se a portare la barca in porto ci ha pensato per buona parte il mancino Alessio autore di quattro reti importanti.
Il Piacenza parte ordinatamente con una difesa a pressing e dopo tre minuti di gioco Alessio realizza la prima rete da posizione 2 grazie ad un bel tiro. La difesa piacentina funziona bene e sulla prima superiorità Fanzini con un rapido uno-due riceve a tu per tu con Dordoni e realizza.
Il Busto ha difficoltà nella manovra offensiva ma trova in Benassutti L. l’uomo che si arrangia da solo e con un tiro da fuori accorcia. La risposta piacentina non tarda ed Alessio con uno splendido tiro incrociato riporta il Piacenza a più due. Sullo scadere del tempo, mentre la sirena suona il tiro di Benassutti L. si infila dietro a Bernardi e così si va al secondo tempo con il risultato di 2 a 3. Per tutto il resto della partita, che dalla seconda frazione di gioco in poi sarà molto contratta e giocata lentamente soprattutto per volere dei bustocchi, il Piacenza manterrà faticosamente questo prezioso vantaggio.
La prima rete della seconda frazione di gioco arriva a metà tempo grazie ad una giocata rapida in superiorità conclusa da Merlo che realizza sull’immediato assist di Branca.
Come detto il Busto fatica e trova, solo grazie ad un tiro libero di Petrozza, il terzo goal, seguito quasi immediatamente dallo stesso giocatore che gira il difensore piacentino e firma il 4 a 4.
Reazione piacentina che grazie ad Alessio a sei secondi dalla fine del secondo tempo, chiude ancora con una rete di vantaggio.
Con una partita sempre più sfilacciata e tirata, oltrechè un filo nervosa, dopo poco più di due minuti Branca,a uomini pari. inventa una rete da posizione defilata sull’eccesivo raddoppio al centro della difesa avversaria. 4 a 6. E’ quasi immediata la risposta dei padroni di casa che grazie a Colombo, che piazza un siluro dal perimetro, si riportano a meno uno dal Piacenza.
Quarto delicatissimo tempo dove il settebello piacentino si ritrova a giocare per circa metà tempo a senza un boa di ruolo, così da faticare oltremodo nelle azioni offensive, anche se al contempo i padroni di casa latitano anche loro in attacco e solo a metà tempo realizzano con Colombo in superiorità.
La partita sembra avviata ad un pareggio, ma il carattere dei piacentini emerge e grazie all’infaticabile Merlo che conquista una superiorità finalizzata dal cecchino Alessio a soli 28 secondi dalla fine il Piacenza accantona tre preziosissimi, e faticosamente conquistati, tre punti.

Adesso arriva l’ppuntamento decisivo sabato prossimo a Piacenza con l’Aquatica.

 

Everest Piacenza Pallanuoto 2018

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email