C M – Un buon Ravenna sconfitto di misura a Belluno


I giallorossi tengono in mano la partita per lunghi tratti ma pagano caro un passaggio a vuoto nel terzo periodo

Sportivamente Belluno – Ravenna Pallanuoto: 6-5 (0-1, 2-3, 3-0, 1-1)

Ravenna Pallanuoto: Guernaccini, Merlo, Mazzotti, Filatov, Missiroli, Baroncelli, Allegri (3), Biagetti, Ciccone (1), Tirelli, Ghirardelli, Melandri (1), Gentile. All. Cukic.

Sportivamente Belluno: Nicolosi, Rizzo, Orhvat (1), Buratto (2), Tamburino (1), Viel, D’Incà, Garibaldi, Migliozzi, Kassol (1), Gottardello, Fasan, Costan (1).

Arbitro: Boccarusso

Dopo la sosta del campionato, la formazione guidata da Vladimir Cukic era chiamata ad una trasferta molto importante in chiave salvezza, sul campo  del Belluno, formazione neopromossa ma che sta raccogliendo buoni risultati anche in serie C.
Al via squadre molto attente in difesa e la prima segnatura (e unica del primo periodo di gioco, ndr) arriva solo a metà del primo quarto con Allegri, capitano giallorosso, a segno in superiorità numerica.
Nel secondo quarto, sempre molto equilibrato ma più prolifico di gol, i ravennati continuano a spingere e allungano, dopo il pareggio dei padroni di casa, ancora con allegri sempre in superiorità numerica e con Melandri che va a segno dalla sua posizione mancina, portando a due gol di scarto il vantaggio giallorosso sul parziale di 3-1, per andare al cambio di campo sul 4-2 grazie alla rete di Ciccone con l’uomo in più.

Mister Cukic: “I ragazzi erano molto concentrati ed è stata una buona prova di squadra. Nei primi due quarti abbiamo giocato molto bene, mettendo in pratica tutto il lavoro fatto in settimana in preparazione dell’incontro. Buone rotazioni difensive e ottima difesa con l’uomo in meno.”

Dopo il cambio di campo, i giovani giallorossi accusano però un brutto passaggio a vuoto che consente agli avversari di mettere a segno un parziale di 3-0 grazie ad alcune disattenzioni difensive, parziale che si rivelerà purtroppo decisivo a fine gara, complice anche un rigore sbagliato da Baroncelli, autore peraltro di un’ottima gara.
Nell’ultimo periodo gli ospiti vanno subito a segno in superiorità numerica su una difesa un po’  passiva dei ravennati e si portano sul 6-4. A questo punto, i giallorossi peccano un po’ di inesperienza e, dopo il gol di Allegri che completa la sua tripletta personale in superiorità nume i a, non riescono a sfruttare le ultime due occasioni con l’uomo in più a causa di una eccessiva fretta di andare a concludere e l’incontro si chiude sul 6-5 a favore dei padroni di casa.

Un commento anche del presidente, Cesare Bagnari: “ancora una sconfitta di misura, questa volta in trasferta, su un campo non facile in vasca da 25 metri. Ora la classifica sta diventando difficile anche se la squadra ha dato segnali importanti di crescita e di personalità. Ora d fremo trovare anche quella continuità di gioco e di concentrazione che vengono molto anche dalla tranquillità e dall’esperienza figlia di anni di partite giocate sul filo del rasoio. I nostri giovani stanno lavorando e seguono molto bene il nostro mister. Sono convinto che presto arriveranno anche i risultati.”

Sabato prossimo, 6 aprile, prende il via il girone di ritorno ed i giallorossi attendono la visita del Penta Modena, squadra di classifica medio alta con la quale i ragazzi di Cukic seppero conquistare un ottimo pareggio in trasferta. Fischio di iniziò alla piscina Gambi di Ravenna alle ore 18.30.
Weekend difficile anche per la formazione Under 17, guidata da Cukic e Casadio, che ha subito una sconfitta da Parma con il punteggio di 4-2, perdendo la testa del campionato proprio a favore dei ragazzi di Parma.

Nella foto: Matteo Melandri, mancino classe 2003

 

Ravenna PN

Print Friendly, PDF & Email