A2 F – Css Verona ancora senza vittoria, sconfitta di misura

Bosello-Braga-Borg

Css Verona – Como Nuoto 6-7 (0-2, 3-2, 2-2, 1-1)

Verona: C. Mattioni (P), Frizzarin, Peroni, Castagnini, Borg (1), Russo, Braga (1), Carli (1), Dusi, Prandini, Carotenuto (1), S. Mattioni, Bosello (2). All. Zaccaria

Como: Frassinelli (P), M. Romanò, Repetto (2), Girardi, Trombetta, Giraldo, Bianchi (1), Comba (3), B. Romanò, Lanzoni (1), Pellegatta, Ciliento. All. Pozzi

Arbitro: Di Grazia

La Css Verona esce di vasca con lo sguardo triste dopo la sfida al Como Nuoto. Le ragazze allenate da Giovanni Zaccaria non ce l’hanno fatta a stoppare la corsa di una delle pretendenti alla promozione, ma ci sono andate vicine. Punteggio finale 6-7 in favore delle lariane (parziali 0-2, 3-2, 2-2, 1-1).

Il match contro le “rane rosa” è arrivato dopo una settimana non facile per il collettivo veronese, dopo l’agrodolce pareggio di Varese e con qualche elemento di spicco giunto acciaccato alla partita contro le prime in classifica. Un primo periodo sottotono ha visto Como scappare avanti di due reti, poi ripreso da Bosello e Carotenuto e sorpassato dalla conclusione dalla distanza di Borg. Ritmo serrato nel punteggio, con il 3-3 ospite, Css che fallisce un rigore e subisce la quarta marcatura prima della sirena di metà incontro. Ad inizio ripresa Braga trasforma un rigore, ma Como piazza altre due marcature. Poi Carli dimezza lo svantaggio, Cristina Mattioni neutralizza alla grande un penalty comasco, però nulla può sulla settima rete di Como. Bosello supera Frassinelli, portando la Css di nuovo a meno uno, e dà 3′ di speranza alle sue, che però rimangono tali.

Nonostante la sconfitta, buona la prestazione veronese, soprattutto in fase difensiva. Più carente invece l’attacco, che ha avuto più occasioni di andare in rete senza riuscirvi. In classifica la Css viene sorpassata da più di una squadra e scende al nono posto, ma nelle prime tre giornate Verona ha già affrontato due squadre, Bologna e Como, che puntano diritte alla A2, sfoderando buone performance.

Tutto sommato sereno il tecnico Zaccaria: «Era una partita complicata, forse la più difficile disputata finora. Non abbiamo demeritato e potevamo anche riagganciare le avversarie e cercare la vittoria. Poi, se fosse vero che il Como è la squadra più forte del campionato, essere stati vicini a fare risultato per me va bene, perché significa che non abbiamo paura di nessuno».

C’è anche un però, per l’allenatore della Css: «Mi preoccupa che la vittoria non sia ancora arrivata. Oggi ci è mancata la lucidità: abbiamo difeso bene, ma abbiamo sbagliato superiorità numeriche e altre situazioni d’attacco. Qualche errorino ci sta, ma dobbiamo crescere perché a questo livello non si può sbagliare così tanto».

 

SERIE A2 GIRONE NORD

3a giornata: Bologna-Promogest 8-5, Locatelli-Trieste 9-12, Padova-Rapallo 8-5, Css Verona-Como 6-7, Firenze-Varese 5-7

Classifica: Como 9 punti; Trieste, Firenze 6; Varese 5; Bologna, Padova 4; Locatelli, Promogest 3; Css Verona 2; Rapallo 0

Prossima partita: Rapallo-Css Verona

 

Emanuele Pezzo
CSS Verona

 

 

Print Friendly, PDF & Email