A2 M – Il TeLiMar archivia la pratica Arvalia

Lo Cascio

All’Olimpica di Palermo finisce 7-6

Seconda vittoria consecutiva per il TeLiMar che alla Piscina Olimpica Comunale di Palermo batte la Roma 2007 Arvalia, diretta concorrente per la salvezza. Agli ordini degli arbitri Bensaia e Romolini finisce 7-6 il delicato match valido per la quinta giornata del girone di ritorno del Campionato di Pallanuoto Maschile di Serie A2 Sud, con cui si conferma in particolare il buono stato di forma della difesa del club dell’Addaura. Il TeLiMar inizia con grande concentrazione, poi riesce a mantenere i nervi saldi fino alla sirena finale.

Sbloccano il risultato i padroni di casa con Lo Cascio dopo 42” e Lisica a 4’55 che portano i padroni di casa sul 2-0. Si rifanno sotto i romani che sfruttando la superiorità numerica segnano con Re a 4’27. Il TeLiMar a 3’42 allunga di nuovo con Lo Cascio su uomo in più per il 3-1 e con Lo Dico in controfuga a 2’28 per il 4-1. Gli ospiti, però, non demordono e a 2’02 con Faiella si portano sul 4-2 con cui di fatto si chiude il primo parziale.

Il secondo tempo vede le due compagini studiarsi. Dopo qualche occasione non trasformata dal TeLiMar e diversi salvataggi tra i pali da parte del numero 1 di casa, Alessandro Sansone, è il capitano del club dell’Addaura che segna la rete del 5-2 a 3’54. L’Arvalia prova a ribattere: va sul 5-3 con Fiorillo a 3’26; poi, approfittando di una distrazione della difesa su un controfallo, si porta sul 5-4 con Faiella a 1’05.

Nel terzo quarto del match pochi goal, ma tante emozioni. A 5’13 segna Fabiano una splendida palomba a girare sul palo lontano dove Washburn non può arrivare. Ed è 6-4. Sul finale, Faiella approfitta della superiorità numerica e mette in rete per il 6-5 a 2” dalla sirena.

L’ultimo parziale si apre con la perfetta girata di Lo Cascio che, servito da Fabiano, si libera del difensore e mette a segno la rete del 7-5 a 7’39. Poi, Mazzi da sotto porta non sbaglia e su uomo in più firma il 7-6 a 5’48. Un paio di traverse per parte e qualche occasione sprecata, ma il risultato resta fermo sul definitivo 7-6 che permette al TeLiMar di portarsi a +5 proprio sull’Arvalia, che resta così a quota 12 punti in classifica.

Francesco Paolo Lo Cascio, Centroboa TeLiMar: “Questa vittoria dà la svolta al nostro campionato. L’abbiamo voluta e, secondo me, l’abbiamo meritata, perché abbiamo giocato meglio, con più grinta e d’ora in poi tutte le partite in casa dobbiamo giocarle così: la salvezza è alla nostra portata. È giusto giocare al massimo tutte le partite per rispetto dell’ambiente, per la fiducia che ci dà il TeLiMar, che ogni giorno ci aiuta a crescere e andare avanti. Dobbiamo farlo per loro e per noi stessi. La classifica purtroppo è frutto di un girone di andata in cui abbiamo avuto fasi altalenanti. Dobbiamo ripartire da queste due vittorie consecutive per conquistare una salvezza che meritiamo tutta”.

Lino Mesi, Direttore Sportivo TeLiMar: “Tre punti che sono una altro piccolo passo verso la salvezza. Anche oggi una prova adeguata in difesa, che ha compensato le troppe imprecisioni in attacco. Ma contava vincere. La strada è ancora lunghissima e sabato ci sarà un’altra sfida durissima a Catania. Spero bene che i giocatori abbiano ripreso coscienza dei loro mezzi”.

Parziali: 4-2; 1-2; 1-1; 1-1.

Superiorità: TeLiMar 1/8; Arvalia 3/7.

 

Il Tabellino

TeLiMar: 1. Sansone, 2. Lisica (1), 3. Geloso D, 4. Di Patti F.(1), 5. Di Maio, 6. Geloso C., 7. Giliberti A., 8. De Caro, 9. Lo Cascio (3), 10. Puglisi, 11. Fabiano (1), 12. Lo Dico (1), 13. Cartaino – Allenatore: Ivano Quartuccio

Roma 2007 Arvalia: 1. Washburn, 2. Bogni, 3. Re (1), 4. Fiorillo (1), 5. Mazzi (1), 6. De Vecchis, 7. Di Santo, 8. Perciballe, 9. Sacco, 11. Spiezio, 12. Letizi, 13. Faiella (3) – Allenatore: Cristiano Ciocchetti

Arbitri: Paolo Bensaia di Firenze e Francesco Romolini di Sesto Fiorentino (FI).

 

Alessia Anselmo Ufficio Stampa TeLiMar

Print Friendly, PDF & Email