A2 M – La Barbato Design Vela Ancona ricomincia da Civitavecchia


Sabato inizia il girone di andata, la Barbato Design Vela Ancona riparte da Civitavecchia, prima di ritorno al PanaEnel Marco Galli, si gioca alle ore 15. All’andata il Civitavecchia s’è imposto al Passetto per 8-7, poi la Vela ha inanellato otto vittorie consecutive che l’hanno proiettata dov’è ora, al primo posto in classifica insieme al Camogli a 27 punti, mentre il Civitavecchia è settimo con 13 punti. Ma visto anche il risultato dell’andata il tecnico dorico Igor Pace non si fida del favore apparente dei pronostici.
Igor Pace, giocherete contro una delle due squadre che vi ha battuto nel girone di andata.
“E in casa loro, tra l’altro. Al di là di questo sarà un’altra trasferta difficile, loro in casa hanno sempre espresso buone prestazioni, a prescindere dall’ultimo episodio sfavorevole con il Bologna. Noi dobbiamo andare a Civitavecchia con la consapevolezza di aver giocato bene anche all’andata, ripromettendoci però di non fare gli stessi errori e cercando di imporre il nostro gioco e il nostro ritmo. Non ci sarà Diego Bartolucci, che ha un dito rotto, speriamo di recuperarlo contro il Padova, anche perché poi giocheremo a Bologna subito dopo, martedì 19. Abbiamo lavorato bene, in queste due settimane, pur prendendoci qualche giorno di riposo in coincidenza con il weekend di sosta”.
Sono cambiati loro, siete cresciuti voi.
“Sì, affronteremo un Civitavecchia cresciuto e al completo, troveremo una squadra molto ostica, soprattutto in casa, arrabbiata a causa dei punti persi con il Bologna. Noi cercheremo di fare come al solito la nostra partita”.
Metà regular season alle spalle. Obiettivi?
“Adesso dobbiamo vedere come ripartiamo, però ci piacerebbe giocare a giugno all’aperto una gara di playoff. Ci sono ancora undici partite, 33 punti in palio, abbiamo visto che ogni partita è stata una battaglia, dunque procediamo step by step, anche perché dopo Civitavecchia verrà ad Ancona il Padova, e dovremo andare a Bologna dopo tre giorni…”.
Chi è la squadra che ti ha più impressionato, in questo girone di andata?
“Il Torino, sicuramente, ma anche il Camogli”.
E guardando lontano, il girone sud è davvero così più forte del nord come viene dipinto?
“Non so se è più forte, so che è tanto forte, questo sì, ma lo è anche il girone nord. Credo che alla fine quando arrivi ai playoff tutto si azzera. E’ chiaro che a favore del girone sud pesano i budget importanti, i tanti nomi di giocatori forti ed esperti in acqua. Ma ci penseremo più in là, tra un mese almeno”.

Foto: un momento della gara d’andata al Passetto, il croato Vinko Lisica (Vela) in difesa contro il Civitavecchia

 

 

Ufficio stampa Vela Nuoto Ancona

Giuseppe Poli

Print Friendly, PDF & Email