A2 M – Prova gagliarda e di grande determinazione del Sori che pareggia 7 a 7 a Como

Per come è andata la partita i granata hanno perso due punti, visto che a fine terzo tempo gli ospiti erano in vantaggio di tre reti, subendo nell’ultimo un parziale di 4 a 1 che è l’unica cosa da recriminarsi in questo sabato. Si era sopra 5 a 1 ad un certo punto e non si può buttare all’aria un vantaggio del genere, su questo tutti d’accordo.

Alcune disattenzioni ma la voglia di vincere per l’intera durata del match, ma un arbitraggio che lascia più che perplessi per alcune decisioni prese. 16 espulsioni contro con tre rigori, ma c’è da recriminare per un penalty  fischiato contro ai granata su un’azione personale che si sarebbe dovuta punire al massimo con un fallo semplice e un gol segnato nettamente nei due metri a uomo in più dai lariani. Una buonissima difesa del Sori che ha subito il pareggio nella quarta frazione per un allentamento di tensione e alcune occasioni che avrebbero chiuso il match non sfruttate a dovere.  La doppia possibilità di ottenere i tre punti c’è stata nel finale, ma un ottimo Viola dice di no prima a Viacava e poi a Pesenti.

Sori arrabbiato per l’occasione mancata ma c’è stata comunque una grande prestazione di tutti, Benvenuto in primis. Il numero uno sorese é stato autore di alcune parate importanti, ma è stata l’anima di questa squadra ad emergere. Questo punto deve far ripartire i ragazzi di Cipollina con la consapevolezza di avere i mezzi per ottenere la salvezza. Forza ragazzi, questa è la strada.

 

RN Sori

Print Friendly, PDF & Email