C M – La Libertas Roma Eur cede il passo alla Roma WP

LIBERTAS ROMA EUR / ROMA WATERPOOLO 3-5 ( 1-1) (0-1) (0-2) (2-1)

1-0 /1-1 /2-1 /3-1 /3-2 /3-3 /4-3 /5-3 /5-4 /5-5 /5-6 /6-6

LIBERTAS ROMA EUR: Petrini, Zocca, Carrer, Cimini, Di Martino (1), Cipollone, Aquilino, Procopio cap.(1), Todini, Casciani, Novelli, Riviezzo, Serraiocco (1).  All.Lucchini Luca

Note: nel 1°tempo 3,37 rigore assegnato alla LRE realizzato da Di Martino (LRE), nel 4°tempo 4,31 rigore assegnato alla LRE realizzato Procopio (LRE).

Si esaurisce la vena realizzativa della Libertas Roma Eur proprio nel match che avrebbe potuto aprire interessanti orizzonti e, pur giocando un ottima partita a livello difensivo,  segnamo il passo a favore di una squadra quadrata che sa' bene dove può arrivare e qual'è l'obiettivo da raggiungere. Per quanto ci riguarda, considerando che trattasi di un campionato di serie C equilibrato dove l'episodio singolo determina la vittoria o  la sconfitta  dell'una  o dell'altra squadra, è bene,  guardarsi indietro e cercare di non essere risucchiati nella parte bassa della classifica. La fragilità emotiva della nostra  questa squadra può creare problemi se malauguratamente dovesse trovarsi a lottare per non scendere di categoria.

Le premesse erano buone, l'esperimento che si ripete  annualmente con la presenza dei due  arbitri internazionali per giunta, consente alle squadre tecniche e veloci di mettere in pratica le proprie qualità e di avere partite con meno preponderanza fisica. Purtroppo i nostri non colgono l'occasione, giocando una partita con ritmi bassi e adagiandosi su quelli imposti dalla Roma Waterpoolo, la quale annoverando tra le sue fila atleti con maggior caratura ed esperienza cercava di proporre un gioco affidando le proprie sorti alla colonna portante del team…portiere, marcatore centrale e centroboa…..la differenza e' stata tutta li'….uno ha parato tutto e quando non arrivava ci pensavano i numerosi legni colpiti a salvarlo….l'altro circoscriveva abilmente i tentativi dei nostri attaccanti centrali i quali quasi mai sono riusciti a liberarsi per un tiro o per un assist a favore di un compagno…. per ultimo ma determinante,  il centroboa avversario ci puniva regolarmente con girate e tiri di precisione.

Primo tempo equilibrato nel punteggio ma con la Libertas eccessivamente sciupona….al primo tiro subiamo il vantaggio avversario e solo un rigore ci consente di acciuffare il momentaneo pareggio. Nel secondo quarto, stesso copione….si nuota….si attacca ma i gol li segnano gli avversari. Si cerca il gol ad effetto……pallonetti inutili, azioni che potevano concludersi diversamente, vengono sprecate per errori di concentrazione.

Cambio di vasca…ma non cambia il canovaccio…..c'e' chi attacca ma non segna e chi difende ma segna i gol necessari. 0 a 2 è l'impietoso parziale del terzo tempo. Il quarto e ultimo tempo regala un po' più di emozioni ma la Libertas non ha più la forza necessaria per ribaltare il risultato, troppo esperti i nostri avversari per consentire ai nostri atleti di nutrire una speranza di rimonta.

Il primo dei big match e' andato e le premesse non sono delle migliori, occorre necessariamente una iniezione di fiducia e vitalità e occorre farlo presto gia' dalla prossima partita….non sara' facile, considerando che all'andata riuscimmo a pareggiare solo a 20 secondi dal termine.

Onore al merito alla Roma Waterpoolo vittoriosa meritatamente e più che buono l'arbitraggio.

Forza ragazzi…..è necessario non mollare e lavorare con entusiasmo perche' in fondo al tunnel c'e' sempre una luce di speranza basta solo crederci con convinzione.

 

Cimini David

Print Friendly, PDF & Email