A1 F – Cosma Vela Ancona ko con onore a Milano


Kally Milano-Cosma Vela Ancona 20-14
(7-4, 5-3, 3-4, 5-3)
Kally Milano: Imperatrice, Apilongo 2, Crudele, Mandic 3, A. Repetto 3, L. Repetto 1, Carrega 2, Bianconi 3, Gragnolati 1, Vukovic 4, Zandali, De Vincentiis 1, Tamborrino. All. Binchi.
Cosma Vela Ancona: Uccella, Strappato 3, Ivanova 2, M. Santini, Ferretti, Vecchiarelli, Di Martino, Stankovianska 3, S. Santini 1, De Matteis, Altamura 4, Quattrini 1, Andreoni. All. Pace M.
Arbitri: Schiavo e Nicolosi.
Note: sup. num. Milano 5/9 + due rigori realizzati, Ancona 8/14; uscite per falli: Strappato nel IV t.

NIENTE da fare per una bella Cosma Vela Ancona che è costretta alla resa anche a Milano contro la Kally. La squadra di Milko Pace gioca però un’ottima partita, mettendo in difficoltà le meneghine per almeno tre tempi, andando a segno con regolarità e giocandosì le proprie chanches sino in fondo, anche se con poca fortuna. Primo tempo con la Cosma che parte fortissimo e si porta sullo 0-3 con le reti della Strappato, della Stankovianska e della Ivanova, ma Milano si sveglia e si aggiudica il primo tempo per 7-4. La gara prosegue sui medesimi binari, tante reti, tante espulsioni,  Milano tocca il + 5 nel secondo tempo e chiude con il medesimo vantaggio al cambio di campo. Padrone di casa anche sul + 7 nel terzo tempo, che però vede un parziale ritorno delle anconetane, che arrivano all’ultimo intervallo sotto di 4 (15-11). La Kally spinge nuovamente forte sull’acceleratore nell’ultimo tempo, toccando nuovamente il +7, nel finale le anconetane contengono il passivo, ma uscendo dalla vasca milanese a testa alta. “Mi dispiace per la partenza del primo tempo – spiega il coach Milko Pace a fine gara -, che ci doveva dare motivazioni, invece abbiamo preso diversi gol evitabili, non da squadra che parte così forte. Alla lunga sono venute fuori le qualità del Milano, ma con un minimo di convinzione e di attenzione in più avremmo potuto restare un po’ più in partita, non dico vincere perché si sono viste le qualità superiori del Milano, ma restare più in scia. Nel complesso una buona prova che dimostra che possiamo stare in questa categoria, ma quando abbiamo dei cali di attenzione li paghiamo subito molto cari. Ora testa al Trieste, una partita in cui cercheremo di sfruttare il fattore campo”.

 

Foto: la Stankovianska (Cosma Vela) alla piscina del Passetto

 

Ufficio stampa Vela Nuoto Ancona

Giuseppe Poli

Print Friendly, PDF & Email