A1 F – La VetroCar Css Verona espugna Trieste con le giovani

Castagnini

Importante vittoria in trasferta per la VetroCar Css Verona. La squadra di Giovanni Zaccaria espugna il polo natatorio “Bruno Bianchi” di Trieste, domando la compagine di casa con il punteggio finale di 14-7 (parziali 3-1, 4-2, 4-1, 3-3).

La VetroCar imprime la direzione favorevole alla gara già nel primo parziale, con la doppietta di Sbruzzi e la rete di Zanetta. Lo scarto aumenta nel secondo tempo per effetto dei bolidi di Perna e Borg e dei tap-in vincenti di Alogbo e Prandini. In tutto ciò Trieste non sta a guardare e avrebbe l’occasione per impattare sul 4-4: Nigro, dopo aver raccolto un penalty dal fondo della rete, al secondo rigore stoppa Boero.Nessuna decelerazione al cambio di campo. La bella doppietta di Marchetti, il nuovo timbro di Borg e la prima rete in campionato della rientrante Esposito cementificano le gerarchie. Il tentativo delle ragazze di Colautti di rientrare nel match negli ultimi 8 minuti viene assecondato da qualche incertezza ospite, ma la VetroCar riesce comunque a gestire il finale, grazie al rigore trasformato da Zanetta, al bis quasi in fotocopia di Esposito ed alla deviazione letale di Borg.

I tre punti di Trieste acquistano un valore maggiore considerando la grande prestazione della diciottenne Castagnini e le ottime prove delle giovanissime Gabusi (2003), Sbruzzi (2004), Marchetti (2004) e dell’esordiente Valentina Sgrò (2006).

Serafiche le parole di Zaccaria a fine match: «Non mi aspettavo questa differenza di punteggio. È stata una bella vittoria perché frutto di una prova corale. Le giovani hanno mostrato i loro numeri: questo ci fa sentire un club che sta lavorando bene sulle giocatrici del futuro».

L’analisi non risparmia un pizzico di autocritica: «Ad un tratto ho pensato che potessimo andare in difficoltà. La stagione scorsa giocavamo a memoria, ora dobbiamo sempre pensare e perdiamo l’attimo per la giocata. Alla fine non abbiamo mai perso il controllo, anche quando nel finale abbiamo provato altri assetti tattici».

Nel post partita parla anche la veronese Eleonora Castagnini: «Tra l’inizio e la fine di una partita c’è un mondo: la concentrazione, i metri di nuoto, i tiri mancati. Questa partita era sicuramente difficile per tanti motivi. Penso che oltre ai tre punti, abbiamo portato a casa anche un po’ più di fiducia, sia in noi stesse sia tra di noi, come squadra».

 

TABELLINO
PALLANUOTO TRIESTE – VETROCAR CSS VERONA 7-14
Parziali 1-3, 2-4, 1-4, 3-3

Trieste: Ingannamorte, Gagliardi 1, Boero 3, Gant, Marussi 1, Cergol, Klatowski 1, Sblattero 1, Lonza, Rattelli, Jankovic, Russignan, Keasti. All. Colautti

Verona: Nigro, Esposito 2, Castagnini, Zanetta 2, Borg 3, Alogbo 1, Sbruzzi 2, Perna 1, V. Sgrò, Prandini 1, Marchetti 2, Carotenuto, Gabusi. All. Zaccaria

Arbitri: Bianco, Roberti
Note: uscita per limite di falli Carotenuto (V) nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Trieste 0/7 + 3 rig.; Verona 0/5 + 1 rig.. Nel secondo tempo Nigro (V) para un rigore a Boero (T)

 

Css Verona
Emanuele Pezzo

Print Friendly, PDF & Email