A1 M – Nuoto Catania, Dato: “Derby combattuto, fatali alcuni errori individuali”

Samuele Catania

C.C. ORTIGIA – NUOTO CATANIA 11-10

A segno per gli etnei: Catania (tre reti) Privitera (due reti) e una rete per Lucas, Jankovic, Kacar, Torrisi e Cuccovillo

Derby combattuto e ricco agonismo quello giocato questo pomeriggio alla piscina P.Caldarella di Siracusa tra Ortigia e Nuoto Catania, terminato 11-10.
Dopo appena 21 secondi dall’inizio del match va a segno l’Ortigia con Napolitano (1-0). I padroni di casa raddoppiano poco dopo con Espanyol, al termine di un’azione in contropiede con l’uomo in più (2-0).
Accorcia le distanze la Nuoto Catania con Jankovic (2-1) e pareggia i conti con capitan Kacar (2-2) a 3.40 dalla fine della prima frazione. A 2.24 rete dell’Ortigia con Di Luciano che realizza il 3-2.
Ritmi alti sin dalle prime azioni di gioco, entrambe le formazioni vogliono conquistare i tre punti.
Susak segna il 4-2 a meno di due minuti dalla fine del primo quarto. A 30 secondi dallo scadere Privitera dalla distanza centra la porta avversaria (4-3) finisce così la prima frazione di gioco.
Nessun calo di ritmo nella seconda frazione. A riportare il match in parità il rossazzurro Samuele Catania (4-4).
Dopo tre minuti di gioco l’Ortigia va in vantaggio con Farmer (5-4). E’sempre il giocatore etneo Samuele Catania a riportare il match in parità con un tiro dalla distanza (5-5). L’Ortigia però va subito in avanti con Napolitano (6-5). Eugenio Russo spreca un’ottima occasione per trovare il gol del pari.
All’inizio della terza frazione doppietta dell’Ortigia con Espanyol e Rotondo (8-5). Accorcia le distanze Cuccovillo dopo tre minuti di gioco (8-6). Partita ancora apertissima per la formazione etnea.
Il vice capitano rossazzurro Giorgio Torrisi prova il tiro ma colpisce la traversa. Poco dopo Cassia tira e segna la rete del 9-6. Ma la Nuoto Catania è viva e non demorde, è Lucas con una girata ad accorcia le distanze portandosi sul -2 dall’Ortigia (9-7). Termina così la penultima frazione del derby di Sicilia.
In apertura di quarto tempo Samuele Catania tira da 10 metri e colpisce l’angolo basso portando la Nuoto Catania sul 9-8 (terza rete firmata dal giocatore catanese). Farmen firma poco dopo la rete del 10-8. Di Luciano realizza il gol del 11-8. Giorgio Torrisi cerca la conclusione ma la palla finisce sopra la traversa. A realizzare il gol che porta la Nuoto Catania sul -2 ci pensa Privitera che va a segno a 1.42 dal termine del match (11-9). Torrisi trova la rete del 11-10 a circa 11 secondi dalla fine. Termina 11-10 il derby di Sicilia.

Queste le parole del tecnico Peppe Dato al termine della gara: “Abbiamo fatto quello che potevamo ma hanno inciso alcuni errori individuali con i quali non potevamo vincere. Sono contento per la prestazione della squadra ma dispiace tornare a casa con una la sconfitta pensando che se avessimo evitato certi errori avremmo potuto conquistare i tre punti”.

PARZIALI: (4-3; 2-2; 3-2; 2-2)

Spettatori 500 circa. Nessuno espulso Spettatori 500 circa. Nessuno espulso e nessuno uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: Ortigia 5/14, Catania 5/9.e nessunoC.C. ORTIGIA : Caruso, Cassia, Abela, Jelaca, Di Luciano, Farmer, Giacoppo, Español Lifante, Rotondo, Giribaldi, Susak, Napolitano, Pellegrino. All. Stefano Piccardo

NUOTO CATANIA: Risticevic, Lucas, Jankovic, Buzdovacic, Catania, Russo, Torrisi, Scebba, Kacar (Cap.), Privitera, D. Presciutti, Cuccovillo, Castorina. All. Giuseppe Dato

Arbitri: Massimo Savarese (Vado Ligure) e Luca Castagnola (Roma).

 

Federica Zuccaro

Ufficio Stampa Nuoto Catania

Print Friendly, PDF & Email