A2 F – Mircoli presenta la trasferta del Tolentino


Per la seconda giornata di campionato il Tolentino va in terra campana a Santa Maria Capua Vetere a giocarsi i tre punti contro il Volturno. A presentare il match di domenica Mircoli Deborah, classe ’92, una delle ragazze con maggior militanza nel gruppo delle marchigiane.

Domenica avete vinto all’esordio casalingo contro il Vis Nova, che sensazioni hai avuto?
Sicuramente siamo tutte molto contente della vittoria ottenuta. Dopo il torneo disputato a Natale sapevamo che la Vis Nova sarebbe stato un avversario ostico; ma eravamo tutte cariche e ognuna di noi voleva dimostrare quanto valeva e ripagare il lavoro fatto in questi 4 mesi di preparazione.
Di strada ce ne’ ancora molta da fare, dobbiamo lavorare ancora su molti aspetti, ma siamo partite con il piede giusto. Infine, sono molto sorpresa del gran pubblico, perché significa che in questa piccola realtà qualcosa stia cambiando e ne’ approfitto per fare un appello nel venirci ancor di più a vedere e sostenere in questo nostro campionato, dove tutto può accadere.

Quali sono stati i punti di forza per ottenere i 3 punti?
Penso che non si possa individuare un vero e proprio punto di forza. Finita la scorsa stagione la società ci ha chiesto quel qualcosa in più (e di questo la ringrazio) ha fatto arrivare Igor, e con lui un modo diverso di pensare, vedere, e vivere la pallanuoto. Noi ci siamo guardate tutte negli occhi e abbiamo accettato, sapendo che ogni giorno sarebbe stata una grande sfida e che avremmo dovuto fare mille sacrifici senza tirarci mai indietro. Quindi credo che il merito e il punto di forza sia di tutti, nessuno escluso.

Domenica è stata anche la prima gara ufficiale con le nuove regole. È cambiato qualcosa?
Non è sempre facile ricordarsi ogni regola, dopo anni molte cose sono diventate automatismi.
Il gioco è diventato più veloce, la zona preponderante come scelta di difesa, e fondamentale la capacità di movimento in attacco. Abbiamo lavorato sulla memorizzazione delle regole e penso che piano piano ci stiamo adattando nel modo migliore. Come noi anche gli arbitri si stanno adattando quindi diciamo che è un po’ una fase di “adattamento” per tutti. Come squadra ci siamo adattate abbastanza bene, e penso che siamo anche riuscite a comprenderne gli aspetti che ci potevano aiutare durante le partite.

Domenica la trasferta a Volturno, una squadra giovane con il rientro di una giocatrice d’esperienza come Starace. Che sfida ti aspetti?
Domenica non sarà facile, siamo partite bene ma bisogna rimanere concentrate senza “sedersi”.
Il Volturno è una squadra ostica, come d’altronde un po’ tutte in questo campionato, in più con il ritorno e l’esperienza che porta con se’ Starace hanno sicuramente un valore aggiunto in confronto all’anno scorso.
Anche noi d’altra parte ci siamo rinforzate con un nuovo innesto con militanza in A1 come Rita De Mari e abbiamo la grande esperienza di Jakie, una mancina in crescita e altre carte da scoprire. Igor, il nostro allenatore, ci sta preparando al meglio, come fa per ogni partita, per cerca di farci arrivare pronte e concentrate al punto giusto per la partita. Sarà sicuramente una bella partita, da portare a casa giocando con un bel ritmo e cercando di limitare gli errori. Quindi in conclusione, sarà una partita da giocare.

Dopo i risultati della prima giornata che campionato ti aspetti?
Inanzitutto penso non si possa prevedere un campionato dalla prima partita. Sicuramente sarà un bel campionato, ogni partita sarà lottata fino all’ultimo, e bisognerà rimanere concentrare fino alla fine.
È un campionato lungo e intenso, non sarà facile, ma dovremmo riuscire a rimanere concentrate. Abbiamo un grande obbiettivo in testa e speriamo piano piano di poterlo raggiungere. E poi, come mi ha insegnato un mio allenatore, a questa domanda si risponde alla fine dei giochi.

 

Tolentino PN

Print Friendly, PDF & Email