A2 F – Rari Nantes Bologna – An Brescia 16 – 6

Rari Nantes Bologna – An Brescia 16 – 6 (6-1, 4-1, 3-2, 3-2)

RN BOLOGNA: Sesena, Monaco 3, Caverzaghi, Morselli, Invernizi 1, Verducci 4, Mataafa 1, Nicolai 3, Toselli, Budassi 4 (due rig.), Franci, Farneti, Guerriero. All. Andrea Posterivo

AN BRESCIA: Fanelli, Alberici, Facchinetti, Di Lernia 1, Bovo 1, Testa 1, Usanza, Vitali M. 1, Casali 2, Buizza , Barbieri, Serra, Fiorese. All. Calderara.

Arbitro: Franceschini

Contro una delle maggiori candidate al salto di categoria, l’An Brescia femminile paga dazio senza, però, sfigurare: in casa della Rari Nantes Bologna, nel tredicesimo turno di A2, la squadra di Edvin Calderara viene superata con un netto 16 a 6, ma la prova delle leonesse non è da considerare una disfatta. Senz’altro più esperte e con individualità di ben altro livello, le padrone di casa iniziano con ritmi molto intensi, prendendo il largo grazie a un’ottima lettura delle situazioni di gioco, prerogativa che, nella sostanza, si concretizza con una serie di efficaci ripartenze. Nonostante l’avvio decisamente in salita (10 a 2 il punteggio al cambio di panchine), le biancazzurre – partite con la giovane Irene Fiorese, per la prima volta, tra i pali dal primo minuto – non rinunciano mai ad impostare le proprie trame e, in fase di copertura, tutto l’organico si prodiga sempre per tenere alta la guardia e contenere le forti avversarie. La solida tenuta mentale dell’An, in qualche maniera, costringe le felsinee a non mollare la presa neanche quando i conti sono ormai fatti, ed è per questo che il punteggio finale racconta di ben dieci reti di scarto, risultato fin troppo severo nei confronti del coraggio e dello spirito agonistico della giovane formazione ospite.

«Sapevamo che oggi sarebbe stato un match difficile – commenta coach Calderara -, e il loro inizio ha confermato in pieno le previsioni. Da team esperto e di qualità superiore, hanno subito sfruttato le occasioni che abbiamo offerto, prendendo i giusti tempi nel ripartire sulle nostre conclusioni e colpendo con puntualità ad ogni nostro minimo errore. Su questi aspetti, una squadra giovane come la nostra non ha che da imparare e vedremo di fare tesoro di quanto accaduto. Sotto di otto gol a metà gara, c’era il rischio di finire sommersi, invece sempre cercato di limitarle tentando di dire la nostra fino alla fine, e di questo non posso che essere contento. Certo, dieci reti di differenza, sono tante, ma il peso specifico di Bologna è superiore al nostro e, se avessimo mollato i remi, il divario sarebbe stato più ampio. Siamo giovani e abbiamo bisogno di esperienza: il debutto di Fiorese da titolare, va letto in questo senso. In alcune occasioni, l’emozione ha tradito Irene, però varie buone parate le ha, comunque, fatte».

 

Ufficio Stampa AN Brescia

Print Friendly, PDF & Email