A2 M – Il CUS Unime cala l’asso al centro, in arrivo la stella Nikola Eskert

Lo aveva annunciato lo Staff cussino ed il colpo a sensazione è arrivato. Dopo il ritorno in riva allo Stretto del “Gladiatore” Vittorioso e la conferma del mancino Cusmano al quale viene affidata la “fascia da capitano” per la seconda stagione consecutiva, il Cus Unime ufficializza l’ingaggio della stella serba Nikola Eskert, centroboa classe 1993 con un curriculum di grande spessore costruito nelle serie maggiori di tutta Europa ed arricchito da tantissimi gol all’attivo. Una vero e proprio colpo quello piazzato dal team gialloblu che porta a Messina un centroboa di peso che ben conosce i Campionati Italiani. Nikola, infatti, dopo l’esperienza con la Rari Nantes Florentia nel 2014 (quando mette a segno 18 reti), si accasa per due stagioni alla Stella Rossa di Belgrado, per poi tornare in Italia nel 2017 e giocare prima con il Quinto (16 gol) e nelle ultime due stagioni tornare in forza alla Rari Nantes Florentia, dove realizza 16 gol prima e 23 reti nell’ultima annata sportiva.
Un tassello moto importante per questa A2 del CUS che il tecnico gialloblu Sergio Naccari presenta con tanto entusiasmo: “Nikola è un ottimo elemento per la categoria e, nonostante la giovane età, ha già giocato quattro campionati in Italia tutti in Serie A1. Conosce bene il nostro campionato, parla un ottimo italiano e rappresenta il prototipo ideale di centroboa, abile a prendere posizione ai 2 metri ma al contempo molto dinamico. Si tratta ancora una volta di un gran colpo, l’ennesimo fatto da questa Società. Adesso stiamo puntando ad un secondo centro che dia minuti e respiro a Nikola per poi proiettati su due esterni, per una stagione che ancora una volta ci veda come protagonisti”. “Sono contento di giocare a Messina ed iniziare questa Serie A2 – queste le parole di Eskert – Spero che riusciremo ad arrivare ai playoff ed io farò tutto il possibile per raggiungere questo obiettivo e toglierci tante belle soddisfazioni con questa calotta. Non vedo l’ora di conoscere la squadra e di tuffarmi in questa nuova avventura”.

 

Cus Unime

Print Friendly, PDF & Email