A2 M – Sconfitto ma coriaceo…il Tuscolano c’è

DMG NUOTO CATANIA – S.C. TUSCOLANO BY COREFIT 12-9
Parziali: 4-3, 3-2, 3-3, 2-1

NUOTO CATANIA: Castorina, Generini(1), Ferlito(1), Polifemo, Scollo, Forzese, Torrisi(1), Scebba(2), Kacar(4), Privitera, Russo, Catania(1), Buccieri. All. Dato
SC TUSCOLANO: Correggia, Tulli(2), De Santis, Giangiacomo, Zangari, D’Antilio, Mariani, Sotgiu, Sacco(4), Liolli(3), Botto, Sebastiani, Casciotta. All. Neroni

Nessun giocatore uscito per limite di falli.
Superiorità numeriche: DMG Nuoto Catania 1/6; SC Tuscolano BY Corefit 1/8 + 2 rig. Nel terzo tempo Torrisi (C) fallisce un tiro di rigore (traversa). Spettatori 100 circa.

Anno nuovo risultato “vecchio” per lo SC Tuscolano che capitola alla Scuderi di Catania difronte ai padroni di casa della DMG rimanendo inchiodato allo zero in classifica. Quello che c’è di nuovo però è la prestazione dei ragazzi di Mister Neroni che, per la prima volta in stagione, sfoderano una gara all’altezza delle aspettative e delle proprie possibilità. Sempre in partita e senza mai far scappare gli avversari, gli uomini in rossoblu arrivano ad un passo dal prendersi la gara tra il terzo ed il quarto tempo quando gli Etnei cominciano a temere di perdere l’intera posta in palio, ma riuscendo a mantenersi sul più due fino a chiuderla ad un minuto e mezzo dalla fine con Kacar, mattatore di giornata insieme a Sacco con 4 reti. Continua la corsa alla promozione degli uomini di Mister Dato che hanno comunque meritato la vittoria dimostrando una maggiore capacità di adattamento, trovando soluzioni offensive più dinamiche per sopperire alla perdita di una boa di peso come Filipovic. Sembra essere sulla strada giusta il sette di Cinecittà che ha dato la netta impressione che se fosse riuscito a portarsi sul meno uno forse non avrebbe perso il match. Ora si dovrà giocoforza iniziare a mettere punti in cascina a cominciare dalla gara di sabato prossimo contro la Cesport Napoli che ci precede in classifica e per la quale non c’è neanche bisogno di dire che ci vorrà un Foro Italico pieno, rumoroso e battagliero proprio come si trattasse di una finale…Forza Ragazzi…Avanti Rossoblu!

 

Andrea Oddi

Print Friendly, PDF & Email