B M – Buon esordio della Campus Roma

C.C. LAZIO WATERPOLO – CAMPUS ROMA 8-8 (1-1, 2-1, 2-2, 3-4)

C.C. Lazio Waterpolo: Bisegna, Massimi, Sotgiu, Bernacchia (1), Petruzzi (1), Battaglini, De Vecchis, Lijoi (1), Piacentini, Di Benigno, Fiorita (3), Stella (1), Martella (1), Cioli. TPV: Davide Bini

Campus Roma: Gilardi, Cionfi (2), Salvi, Forlani, Carrozza (1), Giuggioloni, Spinelli (2), Micucci, Garcia G., Patti (2), D’Urso (1), Filiberti, Mancini T.. TPV: Juan Ramon Garcia

Arbitro: Sig. Riccitelli F.

Dopo un periodo decisamente lungo, trascorso chiusi in casa senza capire come e soprattutto quando si sarebbe potuto tornare in vasca, è finalmente ricominciato Sabato 20 febbraio il Campionato Nazionale di Pallanuoto di Serie B che quest’anno vede un grande novità per territorio del Municipio X: la ASD Campus Roma di Acilia! La squadra, agli ordini del Coach Juan Ramon Garcia (Direttore tecnico ed ex olimpionico cubano), sarà per la prima volta nella sua storia una delle 40 compagini che, suddivise in 5 gironi durante la fase denominata Regular Season, si contenderanno i 4 posti per la serie A2 e lotteranno per non essere tra le 8 a dover retrocedere in C. Le prime due di ogni girone affronteranno i play -off, le ultime due si sfideranno nei play-out mentre la terza classificata, di ogni girone, resterà di diritto in Serie B.
Nella prima fase a gironi la Campus dovrà vedersela con le fortissime Rari Nantes Frosinone, Libertas Roma Eur PN, Villa York SC e con la blasonata C.C. Lazio WP affrontata proprio nella prima uscita stagionale di oggi nella Piscina dei Mosaici del Foro Italico.

Il tabellone al fischio della sirena del quarto parziale riportava un combattutissimo 8 – 8. La partita è di quelle che i ragazzi ricorderanno a lungo sia perché per molti era la prima in un campionato “importante” (e si sa che le prime non si scordano mai…) sia perché il pareggio è stato raggiunto dalla Campus Roma a 10 secondi dal termine di una partita che i nostri nonni avrebbero definito “maschia”.

Il primo gol di questo campionato lo segna Patti F. per la Campus, che però non riesce a trovare il raddoppio sebbene diverse occasioni da gol facessero presagire il meglio. Pareggia così la C.C. Lazio con Fiorita e il primo tempo si chiude con un rigore concesso dall’ottimo direttore di gara Riccitelli, che però il superlativo portiere laziale Bisegna neutralizza su Spinelli. Peccato!

Si va al secondo quarto sul punteggio di 1 a 1 con i ragazzi in vasca che faticano a trovare il giusto ritmo partita e con la C.C. Lazio che allunga e concretizza due azioni di cui una in superiorità numerica portando a 3 le reti. La Campus soffre la maggiore fisicità ed esperienza degli avversari, ma resta comunque in partita grazie al gol del suo più giovane attaccante Cionfi M., classe 2004 e speranza della pallanuoto laziale, al suo esordio in prima squadra.

Dopo il riposo lungo, le squadre cambiano panchina ed entrano in vasca con rinnovata freschezza e lucidità; il gioco comincia ad essere quello che più ci appassiona: agonistico ma leale. 2 a 2 il computo dei gol per parte (Spinelli e Patti per la Campus entrambi in superiorità numerica e ancora Fiorita e Stella per la C.C. Lazio).

Si va così all’ultimo quarto sul risultato di 5 a 4 per la C.C. Lazio ma la Campus non ci sta a perdere la sua prima uscita e dà fondo a tutte le risorse. Si lotta in ogni sezione del campo di gara a tratti con giocate degne delle categorie superiori, soprattutto per i due numeri uno Gilardi (Campus) e Bisegna (C.C. Lazio) che hanno davvero parato l’impossibile. Forti e bravi entrambi, complimenti! La Campus è attenta a sfruttare ancora le due superiorità numeriche e a recuperare un -2 che ad inizio ripresa sembrava poter compromettere il risultato (De Vecchis porta infatti a 6 i gol della Lazio a sette minuti dal termine). Ancora Cionfi, Spinelli e D’Urso portano sul 7 a 7 il risultato. Partita terminata? No, nella pallanuoto non esistono partite finite: la Lazio si riporta infatti in vantaggio a due minuti dal termine, ma viene agguantata a soli 18 secondi dal fischio della sirena da un grandissimo gol da posizione angolata di Carrozza F. Peccato non ci sia stato il boato del pubblico, sarebbe stato perfetto…

La Campus porta a casa così il primo punto di questo campionato che, considerato l’avversario, è sicuramente un punto guadagnato perché strameritato con una squadra coesa e quadrata.

Le parole del tecnico cubano: “I ragazzi sono stati bravi a reagire sempre alle situazioni di svantaggio segno che il gruppo si sta formando. Peccato i primi due tempi giocati a ritmi molto bassi ed alle tante occasioni sprecate che potevano darci due-tre gol di vantaggio. Tutto serve per crescere. Dovremo essere più cattivi nelle situazioni di vantaggio e più bravi a concretizzare. Ci aspetta ancora un duro lavoro spero contraccambiato da altre soddisfazioni!”

 

 

L.S. – Redazione Campus Roma

Print Friendly, PDF & Email