B M – La RN Frosinone toglie i veli, presentata la squadra al Benito Stirpe

L’Automotive Rari Nantes Frosinone toglie i veli e si presenta ufficialmente al pubblico per la stagione 2019/2020. Giovedì 21 novembre, infatti, è andata in scena la conferenza stampa nella pancia del Benito Stirpe, casa del Frosinone Calcio. Ringraziamo, ancora una volta, il presidente Stirpe per l’ospitalità e l’aiuto che ormai da più di un anno fornisce alla nostra realtà. Il sostegno e la pubblicità di uno sport come il calcio è fondamentale per una disciplina meno seguita come la pallanuoto.

Presentazione ufficiale, quindi, ma durante la conferenza stampa non sono mancati divertimento e risate. Schierati uno vicino all’altro il direttore Salvatore Gualtieri, a rappresentanza del Frosinone Calcio, il presidente della R.N. Frosinone Vincenzo Russo, il dirigente Antonio Ceccarelli e due importanti figure politiche del territorio frusinate, legate allo sport, come il consigliere Corrado Renzi e l’ex assessore Angelo Pizzutelli. A turno sono intervenuti tutti, chiamando ogni tanto in causa i giocatori, confermati e nuovi arrivi. Purtroppo assente, per importanti motivi familiari, l’allenatore Fabrizio Spinelli.

“Anche quest’anno il Frosinone Calcio è vicino alla Rari Nantes Frosinone, così come è nella filosofia del presidente Stirpe essere vicini agli sport chiamati impropriamente minori, ma che esaltano e valorizzano il nostro territorio”, inizia il direttore Gualtieri. Che continua: “Avere un seguito minore non significa avere meno passione. Il Frosinone Calcio ha sposato subito questa causa: la Rari Nantes porta i colori gialloblù, il simbolo del leone e del campanile del nostro capoluogo. Tutti sanno che l’obiettivo del presidente Stirpe è creare una cittadella dello sport, che racchiuda più discipline, come pallanuoto, appunto, ma anche basket e altri ancora. Ho visto poi che quest’anno abbiamo obiettivi comuni: entrambi giochiamo per raggiungere la serie A, spero che a fine anno si possa fare una doppia festa. Grazie ancora di essere qui oggi”.

Importanti parole di sostegno da parte del Frosinone Calcio, raccolte subito dal presidente della Rari Nantes Vincenzo Russo: “Ringrazio il Frosinone Calcio, il presidente Stirpe e il dottor Gualtieri. Oggi devo fare anche le veci del nostro allenatore Fabrizio Spinelli, purtroppo assente per motivi familiari. Durante l’estate io e i miei collaboratori abbiamo rinforzato lì dove serviva una squadra che l’anno scorso è uscita dai play off per un rigore. L’obiettivo è, quindi, fare meglio della passata stagione. La rosa è stata rinforzata: nel ruolo di centroboa abbiamo preso Marco Aiello, con cui ho già vinto un campionato di serie B a Latina, e Giorgio Ambrosini, protagonista di una splendida salvezza in A2 come mio atleta. Sono arrivati poi Alessandro Lucci, giovane ma già esperto giocatore di Anzio, Marco Orlandi, il più anziano del gruppo che dovrà fare da chioccia a tutti quanti, e Giovanni Barberini, forte attaccante che abbiamo strappato alla Latina Pallanuoto. Tutti giocatori provenienti da serie superiori alla B, giovani ma esperti, subito pronti a darci il loro contributo. Vogliamo fortemente fare un risultato positivo che lasci il segno a Frosinone. La squadra è competitiva, io sono il primo tifoso della squadra e sarà importante fare bene per fare anche da traino alle categorie giovanili. I ragazzi devono avere il sogno e l’obiettivo di giocare con la squadra della propria città”.

La discussione si incentra poi sull’importanza e il peso che ha il territorio ciociaro nella realizzazione degli obiettivi della Rari Nantes Frosinone, sia a livello giovanile che di prima squadra. Ancora il presidente Russo: “Da parte nostra c’è grande impegno. E c’è tanto sostegno anche da parte del territorio, che di anno in anno aumenta sempre di più a livello di sponsorizzazioni. Il nostro è uno sport minore, ma i costi sono comunque tanti e non è facile avere una grande disponibilità di acqua per giovanili e prima squadra. I ragazzi fanno grandi sacrifici per allenarsi e gliene va dato atto. Però, devo dire che rispetto all’inizio, abbiamo già ricevuto maggiore sostegno dalle attività del territorio. Questo fa sì che riusciamo a mettere in acqua una squadra competitiva, sviluppare il settore giovanile con più disponibilità di acqua e di allenatori”.

Simpatico siparietto tra il dottor Gualtieri e il presidente Russo, con il primo che sottolinea la passione che emerge visibilmente dalle parole del secondo: “Scommetto che giocavi anche tu”, dice ridendo al presidente. Il direttore del Frosinone Calcio poi si lancia alla scoperta dei ruoli della pallanuoto e le sue similitudini con il calcio: “Quindi il centroboa è un po’ come Ciofani o Lukaku?”, chiede curioso. Questa è l’occasione per presentare il resto della squadra: il portiere e capitano Tullio Apicella, i difensori Andrea Esposito e Riccardo Proietti, gli attaccanti Simone Raffaeli, Andrea Carnevali e Federico Ceccarelli e i centrovasca Luca D’erme e Luigi Mellacina, febbricitante a casa.

Sul finale c’è il tempo per il prezioso intervento di due figure politiche di Frosinone: il consigliere comunale Corrado Renzi e l’ex assessore allo sport Angelo Pizzutelli. Entrambi appassionati sostenitori di pallanuoto e presenti a diverse partite casalinghe della scorsa stagione, i due hanno promesso maggiore attenzione da parte della politica a uno sport poco seguito, ma appassionante e in crescita come la pallanuoto. Con uno slogan che va oltre gli schieramenti di appartenenza: lo sport è aggregazione, unisce e non ha colore.

La conferenza stampa volge al termine, i protagonisti vengono catturati dai giornalisti per le interviste singole e i ragazzi sono pronti per andare all’allenamento. Ma calcio e pallanuoto si lasciano con una importante promessa: portare Alessandro Nesta e una delegazione del Frosinone Calcio a una partita della Rari Nantes Frosinone, che inizierà il suo campionato il prossimo 18 gennaio. Speriamo seguiranno aggiornamenti.

 

Andrea Esposito

Addetto stampa R.N. Frosinone

Print Friendly, PDF & Email