C M – Libertas Roma Eur d’autorità

MAMMA LI TURCHI….LIBERTAS D’AUTORITA’

EDE NUOTO/LIBERTAS ROMA EUR 7-11 (2-1) (2-3) (1-5) (2-2)

Libertas Roma Eur: Petrini, Scassellati (2), Carrer, Palomba, De Martino, Cipollone, Mauro, Procopio (1) cap., Todini (6), Cimini, Salvatori, Manzo (1), Neri (1). All.Sig.Lucchini Luca

“Mostruoso……”sul punteggio di 7 a 5, con la partita ancora in bilico, sua maestà Federico II chiudeva il match con una quaterna. Gol numero 8…9…10…e 11…per completare il girone di andata a quota 32 reti e da assoluto protagonista. Ma sarebbe un errore non tenere presente che la squadra intera gioca e vince dipanando un gioco corale. Scassellati, Palomba, Di Martino e Manzo con la loro sagacia tattica guidano il gioco con grande padronanza, esterni veloci garantiscono profondità alla manovra costringendo l’avversario ad uno sfinimento fisico senza eguali….nel mezzo, nell’area avversaria, la fisicità e l’agilità dei nostri centroboa rendono imprevedibili i movimenti e le giocate tali da renderli di non facile lettura da parte della difesa di casa. Metteteci che oggi, anche Daniele aveva deciso di non essere da meno di Di Virgilio confermando la giusta scelta della società di dotarsi di due portieri di assoluto livello, ecco dunque spiegato il primato in solitudine.

Inizio in chiaroscuro della Libertas che difende con ordine e rischiando poco; risponde l’Ede con la stessa attenzione tattica; le squadre si studiano e la partita si mantiene in equilibrio fino a quando l’Ede rompe gli indugi e passa in vantaggio. Risponde prontamente la Libertas che trova il pareggio con un tap-in del nostro Todini che è lesto a riprendere sul suo stesso tiro,una corta respinta del portiere. Ad una manciata di secondi dal termine del primo tempo, l’Ede si riporta in vantaggio con un forte tiro dai sette metri di uno dei suoi uomini migliori.

Parte di nuovo bene l’Ede che porta a due il vantaggio sugli eurini; il 3 a 1 costituisce un campanello d’allarme che i nostri ragazzi raccolgono prontamente. Procopio, il nostro capitano, sigla una rete proprio al momento dell’ingresso della sua bimba….è un segnale positivo, occorre insistere e allora ci pensa il Dottore che pareggia il conto e segnala a tutti che oggi, si respira un aria buona. Manzo completa la rimonta ribaltando il risultato a nostro favore. Ma l’Ede, la conosciamo bene, non demorde e resta agganciata ai fianchi dei rossoblu pareggiando il conto a pochi secondi della fine del secondo quarto.

Ma sta per giungere, all’inizio del terzo tempo, quello che, secondo il mio parere e il momento decisivo che taglia le gambe ai nostri avversari…..Cimini prende palla…nel frattempo Neri crea quello spazio necessario per consentire a Scassellati di infilarsi nello spazio….Cimini lo vede…lo serve sulla mano, Pierfrancesco aggancia al volo…attende quei secondi necessari per consentire a Neri di riguadagnare lo spazio di gioco fondamentale per agganciare a sua volta il pallone e scaraventarlo in rete per il nuovo vantaggio. Tre passaggi, la palla non tocca l’acqua e dopo 6 secondi si rivede in fondo alla rete. Pierfrancesco, in stato di grazia…, continua lo show, sue le reti numero 6 e 7 che scavano una prima profonda traccia. Poi come detto, E.T decide di far prendere il volo all’astronave dell’Eur.

L’ultimo tempo è un botta e risposta che non cambia la sostanza, la Libertas chiude vincendo la partita e restando imbattuta nel girone di andata. Al termine stretta di mano tra gli atleti, tutti meritevoli per il bell’incontro.

Voto alla squadra al termine del giro di boa, nel suo complesso un bell’otto con qualche eccellenza…a cui dare certamente un bel più. Fuori concorso il Todini Furioso. Per fare di più e meglio occorre ora confermarsi e raggiungere l’obiettivo tanto desiderato. Qualche numero…. miglior attacco (95), seconda miglior difesa (53), solo il Racing (49) ha fatto meglio segno il loro di grande solidità difensiva, probabilmente abbiamo il miglior marcatore della Serie C….Terminator; 25 su 36 i tempi parziali chiusi in vantaggio, 5 i pareggi…solo 6 volte la Libertas ha chiuso in svantaggio l’intermedio, Ede Nuoto, Campus, Roman Sport City, Racing e due volte il 3T nel primo incontro sono riusciti nell’impresa; 14 i marcatori stagionali complessivi, ad oggi praticamente l’intera rosa. Due gli esordienti under 20 a cui speriamo presto se ne aggiungano altri.

Prossimo match…3T, ad oggi l’unica squadra unitamente all’Athlon che ha davvero messo in difficoltà i nostri atleti. Momento di confronto importante e una ottima occasione per capire se i castellani stanno tornando. Memori di quanto avvenne due anni fa, “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco….” diceva il mitico Trap. Meglio non correre rischi e non sottovalutare l’avversario; in fondo a vincere non ci si abitua mai abbastanza e noi di fame sportiva ne abbiamo molta.

Forza ragazzi…sempre con voi al vostro fianco.

Nella foto: Todini Federico

 

Cimini David

Print Friendly, PDF & Email