C M – Settebello Waterpolo Roma bello e vincente


Roma Waterpolo 8 / Ede Nuoto 3 (1-2) (3-0) (1-0) (3-1)

Santoni, DI Palma (1), Musso, Rapuano (1), Olivola, Di Prospero, Campana (2), Di Basilio, Volpini, Natalucci (2), Colletti, Cimini (2), Di Bisceglia, All. Maccioni

Il 22 febbraio 2020 si era disputato l’ultimo incontro dei giallorossi, nel mezzo un periodo buio e di enormi sacrifici per tutti ma soprattutto per gli atleti e gli addetti ai lavori che hanno dovuto sopportare chiusure degli impianti con la conseguente difficoltà a preparare una stagione che sembrava non arrivare mai al fischio d’inizio.

La costanza e la forza di volontà di tutti, ha consentito oggi di ricominciare a respirare aria di competizione e di sfida. Era importante cominciare a muovere braccia e gambe e a sentire forte l’adrenalina che solo un bel gol o una bella combinazione di gioco sa regalare.
Fare la cronaca è quasi superfluo per le sofferenze di cui prima, ma proviamo a dare un senso al titolo. Dunque, inizio un po contratto dei giallorossiç le due squadre si studiano e cercano di capire i punti deboli dei rispettivi avversari.
Al vantaggio iniziale dell’Ede, risponde prontamente Rapuano che sfrutta abilmente una superiorità numerica. In alcuni frangenti sono i legni a salvare l’Ede dallo svantaggio e come capita spesso, gol mangiato gol subito e l’Ede va in vantaggio e chiude il primo quarto con il minimo scarto. La Roma Waterpolo torna in acqua con più decisione e a metà del secondo tempo, prima Campana e poi Natalucci due volte, consentono ai giallorossi di andare al cambio lungo e di campo con un discreto margine di vantaggio.
Nel terzo tempo si abbassano i ritmi e la Roma Waterpolo si adatta agli avversari, controlla il match e allunga con la rete di Di Palma. Da registrare l’errore dal dischetto di uno stanco Di Basilio bravo a procacciarsi il penalty con una controfuga, ma il tiro di rigore non rende
giustizia ad una buona prestazione complessiva. Peccato per la mancata occasione, ma l’Ede sembra aver esaurito le energie e non riesce a pungere come nel primo tempo.
Un sussulto scuote l’Ede all’inizio del quarto tempo, accorcia le distanze e spaventa i giallorossi che decidono però di mettere il turbo e prima Campana e poi Cimini con una doppia marcatura chiudono l’incontro e consentono di incamerare tre punti fondamentali vista la formula breve con gironi di 4 squadre e di sola andata. La Roma Waterpolo ha dimostrato di essere squadra compatta e duttile e di poter giocare con quello spirito ideale in una competizione dove è necessario dimostrare subito e ora di essere pronti. Un collettivo a cui il tempo
consentirà solo di poter migliorare.

Ora testa e cuore al prossimo incontro.
Forza ragazzi.

 

Cimini David

Print Friendly, PDF & Email