C M – Stop casalingo per l’Antares Nuoto Latina

image_pdfimage_print

ANTARES N. LATINA – Aquademia Velletri 7 – 10 (2-3; 2-4; 3-2; 0-1)

Antares N. Latina: Scialdone, Zilli, Mauti, Marzocchi, Comuzzi 2, Fava P, Priori 3, Cum 3, Troiso, Zamperin, Aiello 1, Meccariello, Fava L. Tpv: Stefano Formica.

Aquademia: Candidi, La Rosa 2, Luciano, Moscariello 1, Raffaelli 1, Carosi, Caracuzzi 3, Peretti, Ranaldi 1, Caprara 1, De Stasio, Bignardelli, Del Signore 1. Tpv: Mauro De Paolis.

Superiorità: Antares 3/9; Aquademia 1/6.
Arb: Pislariu.

Prima sconfitta stagionale per l’Antares Nuoto Latina, che nel Campionato di Serie C subisce lo stop per 10 a 7 dalla nuova capolista del girone Aquademia Velletri. I ragazzi cari al Presidentissimo Alberico Davoli non hanno avuto un buon approccio alla partita, con la prima frazione di gioco che ha visto un parziale di 3 a 2 per gli ospiti. I pontini hanno fin dall’inizio accusato la verve degli spumeggianti avversari ma di sicuro è venuto a mancare l’atteggiamento mentale corretto, nonostante le continue raccomandazioni ed i campanelli d’allarme suonati da coach Stefano Formica. Alla fine anche se incoscientemente si è sottovalutato un avversario dalle indubbie qualità agonistiche e ben preparato anche sotto il profilo tecnico e tattico. Un pressing aggressivo dei veliterni fin dall’inizio sui centri e gli elementi di spicco sul perimetro dell’Antares Latina mettevano il team di capitan Troiso in difficoltà nel ricercare le giuste soluzioni offensive. D’altro canto anche la mezza difesa a zona nei primi due periodi di gioco dei rossoblù veniva aggirata con belle conclusioni da parte degli elementi più esperti ma anche dei giovani rampanti presenti nella rosa di mister Mauro De Paolis. Alla fine il gap di 4 reti che si determinava tra la fine della seconda frazione ed il terzo quarto veniva solo parzialmente ricucito dai padroni di casa, che comunque mancavano colpevolmente la possibilità a due minuti dalla fine di accorciare sul -1, fallendo clamorosamente per eccesso di foga due ottime chance in superiorità numerica. Risultato alla fine giusto con vittoria meritata per l’Aquademia e bagno di umiltà per l’Antares che adesso avrà necessariamente bisogno di ritrovare una dimensione di maggior rispetto e concentrazione per tutte le prossime battaglie che la aspettano da qui alla fine della Regular Season.

LE PAROLE DEL TECNICO STEFANO FORMICA
“C’è molta delusione per come abbiamo affrontato l’avversario, ci tenevamo molto, io in particolare a far bene perché comunque era la mia ex squadra. Quindi faccio i complimenti a loro perché hanno veramente giocato con il cuore cosa che è mancata invece a noi. In questo momento evidentemente l’Aquademia merita di stare lì e noi ad inseguire. Non si possono concedere così tante azioni da gol, avevamo improntato la partita in modo completamente diverso da come si è poi giocata. Ora ci rimbocchiamo le maniche, facciamo un bel mea culpa e un bagno d’umiltà perché sabato prossimo ci aspetta la trasferta di Monterotondo. I nostri avversari giocheranno sempre con il coltello tra i denti e dovremmo essere attenti”.

DICHIARAZIONE PRESIDENTE BRUNO DAVOLI
“Siamo ovviamente delusi per questa sconfitta, ma abbiamo giocato male al contrario dell’Aquademia che alla fine ha meritato i tre punti. Di certo non mi è piaciuta l’interpretazione e la mancanza di linearità del direttore di gara nel sanzionare il gioco estremamente ruvido sui nostri centroboa ed esterni. Ma alla fine questo non e un alibi ma una nostra colpa nel non esserci adeguati al suo metro di fischiare o non sanzionare i falli. Adesso dovremmo con massima umiltà e concentrazione capire che al contrario di quanto evidentemente si pensava, o radio vasca raccontava, questo non è un girone facile e il risultato di oggi l’ha confermato. Con i se e con i ma non si fa nulla, bisogna lavorare senza distrazioni, con la testa sui giusti binari”.

 

 

Antares Nuoto Latina