C M – Un ottimo Padova raggiunto dai Berici solo sul finale

LBERTAS VICENZA – PADOVANUOTO 5-5 (0-2; 1-1; 2-0; 2-2)

Vicenza: Mazzeo, Calcara 1, Campana, Frazza,  Scotti Galletta 2, Banelli 1,  Dalle Rive, Damiano1 Marotta, Meneghini, Duchini, Scocchi, Maderni. All Dal Bosco.

PadovaNuoto: Calore, Calzà, Drago, Squillace A 1., Bertocco, Duó, Miotto 1, Martin 1, Squillace P. 1, Moldvai 1, Billiato, Marzolla, Romagnosi. All. Longhin .

Sup Num VI 2/10 + 1 rig trasformato; PD 1/6.
Arbitro Frizzarin

Pronti, Partenza, Via… Subito Miotto buca l’estremo difensore avversario MAzzeo con un tiro  rimbalzo da una distanza siderale; si capisce subito che i Padovani non sono venuti a Vicenza col timore reverenziale nei confronti di una delle squadre che punta alla promozione in B.
Difesa attenta ed un ispiratissimo Calore tra i pali sventano qualsiasi tentativo degli avversari e intanto davanti si macina gioco fino al 1-3 al cambio di campo.
I ragazzi di coach Longhin ci credono e hanno più fame di vittoria, ma nel terzo tempo i Berici agguantano il 3-3. Ultimo quarto al cardiopalma con alcune decisioni arbitrali di certo discutibili in cui è mancato il coraggio di applicare correttamente il regolamento contro i padroni di casa (su tutte la mancata espulsione del portiere per aver gettato via il pallone a  gioco e soprattutto il rigore e l’espulsione non concesse su Moldvai nelle ultime due azioni di gioco). 2-2 l’ultimo parziale con una rete splendida del sempr’eterno Moldvai che inchioda Mazzeo con una palomba da 10 metri in posizione centrale e pregevolissima conclusione su superiorità numerica dell’esordiente Pero Squillace che rientrava dall’infortunio. Finale 5-5, stretto per quel che si è visto in vasca, ma in ogni caso un ottimo punto fuori casa.
“Peccato, peccato, peccato; siamo sempre stati in vantaggio, a metà partita anche sul +2, Vicenza ci ha ripresi nel terzo tempo ma ci siamo riportati avanti nell’ultimo parziale. Abbiamo concesso due gol che mi hanno fatto arrabbiare perché realizzati dagli unici due atleti che non avrebbero mai dovuto tirare, peccato. Devo dire che la pallanuoto espressa da noi oggi non è stata bellissima da vedere, ma sicuramente pratica e concreta: i ragazzi hanno seguito le mie indicazioni e gettato il classico “catrame” per impedire agli avversari le veloci ripartenze, bravi. prossima settimana rientrerà finalmente capitan Billiato (oggi esordio post infortunio di Piero Squillace), perciò potremo affrontare la delicata sfida con Modena al completo.”

Sabato prossimo si ritorna in casa per affrontare la Pentathlon Modena guidata in panca da Alessio “Asso” Bertacchini. Fischio d’inizio ore 19.00.

 

 

Mauro Galvan

Pallanuoto PadovaNuoto

Print Friendly, PDF & Email