B M – RN Frosinone, che gioia! I gialloblù volano in serie A2

Ischia Marine Club – L’Automotive Rari Nantes Frosinone 8-9 (3-2, 1-3, 3-3, 1-1)

Una gioia immensa, piena, incontenibile. L’Automotive Rari Nantes Frosinone vince anche gara 2 e conquista la promozione in serie A2. Alla Scandone di Napoli, i gialloblù battono 8-9 l’Ischia Marine Club dopo una partita equilibrata e ricca di emozioni. La vittoria – meritata e riconosciuta anche dagli avversari, a cui vanno i nostri complimenti per la sportività – è di quelle da cuori forti, con un quarto tempo da brividi e gli ultimi 27” vissuti in apnea. Poi il fischio finale e la festa: grazie a tutti i – purtroppo – pochi tifosi presenti a Napoli. SIAMO IN SERIE A2 da imbattuti!

Giusto, dare un breve spazio alla cronaca anche in una giornata così intensa. Parte forte l’Ischia Marine, ma il primo gol è di Mellacina, 0-1. I campani pareggiano, poi vanno avanti su rigore: 2-1. È ancora Mellacina a segnare per la Rari Nantes, 2-2. Immediata, però, la reazione dei padroni di casa: è 3-2 al primo riposo.
In apertura di secondo tempo, Mele pareggia, 3-3. Brandoni para un rigore a Simonetti e respinge un 1 contro 0: sul ribaltamento, rigore per il Frosinone. Va Lucci dai 5 metri e stampa il 3-4, ciociari di nuovo in vantaggio. L’Ischia pareggia di nuovo, poi Barberini inizia a scaldare la spalla: è 4-5 all’intervallo lungo.
Altalena del gol nel terzo parziale. I napoletani pareggiano, ancora Barberini porta in vantaggio la Rari, 5-6. L’Ischia non molla mai e pareggia di nuovo, ma in palio c’è un obiettivo troppo importante: Giacomozzi – in contropiede – buca Turiello per il 6-7 ospite. Altro pareggio ischitano, altro gol di Barberini: tripletta personale e 7-8 Frosinone.
A inizio quarto tempo il primo – e unico – allungo del match. Ambrosini mette dentro il gol del 7-9, poi il Frosinone perde un po’ di smalto in avanti. La grande tenuta difensiva, però, compensa: il grande sacrificio di squadra agevola difensori e portiere a rintuzzare ogni tentativo dei napoletani. L’Ischia trova il gol dell’8-9 a 3’44” dalla fine. Manca ancora una vita: minuti interminabili, difesi con le unghie e con i denti prima della liberazione finale. Vittoria e promozione in serie A2: la Rari Nantes Frosinone si prende tutto.

Queste le parole dell’allenatore gialloblù Francesco Perillo: «Difficile trovare le parole giuste dopo una promozione. Parto dai ringraziamenti: alla mia famiglia, che mi ha sempre sostenuto anche nei momenti più complicati di questa lunga stagione. Poi, al presidente Vincenzo Russo: ha creduto in me fin dal primo minuto, dandomi questa grandissima opportunità. Credo di aver ripagato a pieno la sua fiducia. Grazie a tutti i ragazzi, che in un’annata travagliata come questa si sono sempre messi a disposizione, in piscine diverse, in orari diversi, sempre con la voglia di vincere».

Continua coach Perillo: «Nonostante le differenze di pensiero su alcune cose, siamo riusciti a diventare un gruppo, una squadra vera e a raggiungere l’obiettivo comune. Sulle due partite di finale che dire: siamo soddisfattissimi, non eravamo i favoriti e invece abbiamo dimostrato tutto il nostro valore. Complimenti all’Ischia, che ci ha dato filo da torcere. Ma penso che abbiamo strameritato questa promozione. Sono davvero felice: la stagione è finita in crescendo, abbiamo fatto ottime semifinali e finali».

Sul momento chiave della stagione: «Ne cito due. I pareggi con Villa York e C.C. Lazio ci hanno fatto capire che senza la giusta fame nessuno è imbattibile. La mentalità che abbiamo raggiunto ai play off dimostra che sono serviti. Poi, il più importante. Una riunione, un confronto acceso un martedì sera ad Aprilia tra tutti noi. Abbiamo chiarito alcuni aspetti, caratteriali e tecnici. Quella sera abbiamo perso un allenamento, ma abbiamo vinto il campionato».

Questo, invece, il commento del presidente Vincenzo Russo: «Negli ultimi secondi di partita pensavo agli ultimi cinque anni passati a costruire questa squadra. Quando l’arbitro ha fischiato decretando la vittoria e la nostra promozione, la gioia è stata incontenibile. Questa gioia la voglio condividere con tutta la famiglia della Rari Nantes Frosinone: Antonio Ceccarelli, Fabrizio Spinelli e mister Francesco Perillo. Soprattutto, con i miei amati ragazzi: uno per uno, dal primo all’ultimo, hanno contribuito a trasformare questo sogno in realtà. Un sogno che io avevo davvero da cinque anni: sembrava impossibile da raggiungere, ma ci siamo riusciti».

Ancora il patron Russo: «Era da tanto tempo che non provato una gioia così intensa e soddisfacente. Le parole descrivono poco quello che abbiamo provato ieri, rimanendo insieme fino a tarda notte. Sono una persona passionale: per me le emozioni sono importanti. Il cuore è al primo posto e il mio cuore oggi è con tutti i ragazzi che sono andati in acqua. Li abbraccio tutti, uno per uno e vorrei tanto che ognuno di loro potesse continuare l’avventura con noi. Non ho altro da dire: forza Rari Nantes Frosinone!»

Ischia Marine Club: Turiello, Andrea, Mattiello, Anello 1, Vitullo 3 (1 rig), Gargiulo A., Simonetti, Gargiulo M. 2, Saviano 1, Santamaria, Centanni, D’Antonio 1, Roberti. TPV: Paolo Iacovelli.

R.N. Frosinone: Brandoni, Ceccarelli, Lucci 1 (rig), Proietti, Giacomozzi 1, Esposito, D’erme, Barberini 3, Ambrosini 1, Orlandi, Mellacina 2, Mele 1, Droghini. TPV: Francesco Perillo.

Superiorità numeriche: Ischia Marine Club 0/5 + 2/3 rigori, R.N. Frosinone 1/5 + 1/1 rigore.
Note: Nessuno uscito per limite di falli. Nel secondo tempo, Brandoni (RNF) para un rigore a Simonetti (I).

Arbitri: Sponza e Romolini.

Andrea Esposito
Addetto stampa R.N. Frosinone

Print Friendly, PDF & Email