C M – Alla Libertas Roma Eur non piace il mercoledì

Il portafortuna della Libertas

Campus Roma/ Libertas Roma Eur P.N 7-10 (2-3) (3-0) (2-4) (0-3)

Libertas Roma Eur: Petrini, De Luca, Martucci, Palomba, Di Martino (1), Cipollone (1), Marongiu, Cimini (1), Todini F.(4), Todini D.(1), Salvatori (2), Mauro, Di Virgilio. All.Sig.Lucchini Luca

Note: Di Martino (LRE) rigore e gol nel 4° tempo.

Deciso passo indietro della Libertas nel gioco, a questo è dovuto il titolo…; una prova opaca e assolutamente sotto tono che ci riporta ad antichi fantasmi. Una prestazione condita da numerosi errori di squadra e individuali che stava compromettendo l’obiettivo della giornata di recupero. Di positivo occorre registrare due soli aspetti…il risultato conseguito e il primato del girone. Per il resto è necessario resettare la mente e ricominciare a pensare che la squadra vince solo se l’intera rosa rema compatta. Del resto, dal Campus  era logico aspettarsi che mettesse grinta e velocità per cercare di rovinare i piani tattici di mister Lucchini, infatti un accorta difesa e una banda di giovani atleti, ben messi in campo dal suo tecnico Ramon Garcia, stavano giocando un brutto scherzo agli eurini.

Molte le assenze in casa Libertas ma queste non possono davvero costituire una scusante per il gioco espresso questa sera. La cronaca…parte bene la Libertas con una doppia sequenza di reti…prima il “Chirurgo” Todini e di seguito Salvatori ,timbrano le marcature iniziali; sembra l’inizio di un monologo ma nella pallanuoto “mai dire mai” e la concentrazione deve restare sempre altissima. Il Campus dimezza lo svantaggio con una deliziosa palombella che inganna il nostro incolpevole Petrini ma è un segnale…che la squadra, distratta, non coglie. Arriva il pareggio e i segnali negativi si moltiplicano. Riusciamo comunque a chiudere avanti con la seconda marcatura del Dottore. Il secondo tempo è un vero disastro….reparti scollegati e ognun per se, il Campus nel frattempo vola e realizza tre pappine belle belle che sprofondano la Libertas nella confusione. Erano almeno due anni che non vedevo fare peggio….Ma la Libertas deve farsi del male per bene prima di riuscire a rialzare la testa dall’apnea. All’inizio del terzo il Campus trova il più tre e la cosa peggiore è che non si vede reazione nei ragazzi dell’Eur. Siamo in balia degli entusiasmi avversari. Poi inspiegabilmente come d’incanto, a metà del terzo tempo e dopo aver subito un parziale di 4 reti….per magia, la Libertas decide di accelerare i tempi e di rientrare in partita. Salvatori, Daniele Todini con una fantastica  rasoiata dai 7 metri, Cipollone e Cimini con rabbia, firmano l’aggancio. Incredibile ci si interroga in tribuna….inizia l’ultimo quarto, il Campus molla gli ormeggi e un vistoso calo fisico, favorisce una Libertas ormai padrona del campo. Di Martino di rigore e Todini Federico che firma la sua quadripletta personale, consentono alla squadra di portare a casa tre punti importanti. Un encomio per il nostro Daniele Petrini che nei minuti finali ha sbarrato la porta mettendo fine all’incontro. Esordio per il giovane Martucci di cui sicuramente sentiremo parlare. Per fortuna una giovane Under 20 cresce alle spalle della prima squadra pronta a dare il suo contributo.

Ora ci attendono due giorni di allenamenti importanti, necessari per ricaricare le pile e affrontare al meglio la rivelazione di questo primo scorcio di stagione, la R.N.Vis Nova Roma. Ne misureremo le ambizioni, rispettosi di loro come con tutti ma, consci della nostra forza e intenzionati a non ripetere più gli errori dello scorso anno.

Forza ragazzi…Forza Libertas…..

 

Cimini David

Print Friendly, PDF & Email