Gol, gioia, lacrime, emozioni: l’HaBaWaBa è tornato ed è sempre unico

image_pdfimage_print


Chiuso l’evento: PN Salerno (U10) e WP Palermo (U12) trionfano nell’International Festival, i magiari del Dunaujvaros (femmine U14) e dell’YBL nel PLUS (maschi U14)

C’è chi ha esultato con le braccia al cielo, chi ha pianto di gioia, chi di delusione. Nessuno di certo dimenticherà quest’ultima giornata dell’HaBaWaBa 2021, il più grande evento giovanile di pallanuoto al mondo, svoltosi al Bella Italia & EFA Village di Lignano Sabbiadoro in una speciale versione post-pandemia che ha unito l’HaBaWaBa International Festival (giunto alla 13a edizione, dedicata quest’anno a squadre miste U10 e U12) e dell’HaBaWaBa PLUS (5a edizione, riservata alle formazioni U14).

La rassegna di emozioni è iniziata alle 13:20, con la finale dell’HaBaWaBa PLUS femminile (U14) giocata nella piscina open delle Vele dalle ungheresi del Dunaujvaros e dalle liguri della Locatelli Genova: dopo aver ballato e cantato per tutta la fase di riscaldamento pre-gara, le magiare si sono imposte sulla squadra genovese per 6-3, prendendosi la rivincita rispetto alla finale femminile U13 del 2019, che era stata vinta proprio dalla Locatelli contro il Dunaujvaros. Emozionante l’inno del club ungherese intonato da giocatrici, allenatori e genitori – tutti tuffatisi in piscina – al termine dell’incontro.

Nel pomeriggio l’azione s’è spostata nella piscina olimpica. La vasca piccola ha ospitato la finale più bella della giornata, quella del torneo U10 dell’HaBaWaBa International Festival tra Pallanuoto Salerno e gli ungheresi del Pecsi. Magiari avanti 7-4, poi la rimonta dei campani che passano in vantaggio, si fanno recuperare e infine vincono 11-10 ai rigori. Per la Pallanuoto Salerno è il 2° successo al Festival dopo quello del 2018 nell’U9, festeggiato con tante lacrime di commozione da parte dei piccoli campioni salernitani.

Lo show è proseguito nella vasca grande con la finale U12 dell’HaBaWaBa International Festival tra Waterpolo Palermo e i Barracuda della Rari Nantes Sori: gara equilibrata nel primo tempo, nella ripresa i siciliani nel cui staff figura anche la medaglia d’oro ad Atene 2004 col Setterosa Alexandra Araujo hanno ingranato la quinta e lasciato sul posto i liguri, imponendosi per 14-7 e centrando la loro prima vittoria a Lignano. Anche qui lacrime e sorrisi, ma le due squadre di piccoli atleti hanno dato lezione di fair play stringendosi la mano e abbracciandosi al fischio finale.

Infine, i più grandi, gli U14 dell’HaBaWaBa PLUS. Il gioco, veloce e spettacolare in tutte le finali, è diventato pirotecnico grazie agli ungheresi dell’YBL e alla Lazio, protagoniste di una gara che ha incantato anche Ratko Rudic, la leggenda della panchina 4 volte oro alle Olimpiadi e oggi consigliere della Waterpolo Development, a bordovasca per seguire meglio l’azione. La vittoria è andata ai magiari per 12-5, ma il punteggio non inganni, la Lazio ha giocato alla pari peccando solo in zona gol.

Dopo la festa, tutte le 59 squadre e i 698 partecipanti sono state premiate nella cerimonia di chiusura svolta nella piazza centrale del Bella Italia Village. Assegnati in ogni competizione anche i premi Fair Play alle squadre più corrette, votate dalle giurie arbitrali: i Coccodrilli del Posillipo nell’U10, la Lazio-Akrosport nell’U12, il Dunaujvaros nell’U14 femminile, l’YBL nell’U14 maschile.

Nella cerimonia di chiusura è stato premiato anche il Golden Baby, ovvero il giocatore più giovane dell’intera manifestazione: il riconoscimento è andato a Andrea Costanzo, giocatore della Lazio nato il 19 febbraio 2013.

Terminata la premiazione i piccoli pallanuotisti continueranno a scatenarsi tutta la notte ballando, giocando e rafforzando la loro amicizia: dopo la pausa forzata del 2020 nel 2021 l’HaBaWaBa è tornato e ha dimostrato ancora una volta tutta la sua magia, permettendo a tanti bambini e ragazzi di crescere e sognare con lo sport. Anche in tempi di pandemia, non c’è niente come l’HaBaWaBa.

Visita HaBaWaBa.com e WPDWorld.com e le pagine social della Waterpolo Development (Instagram e Facebook) e della manifestazione (Instagram e Facebook) per altre notizie e curiosità sul mondo HaBaWaBa.

 

 

Fabrizio Napoli